Crowdfunding per il terzo disco dei Betta Blues Society

Crowdfunding per il terzo disco dei Betta Blues Society

immagineElisabetta Maulo alla voce, Lorenzo Marianelli alle chitarre, Fabrizio Balest al contrabbasso e Pietro Borsò a rullante e percussioni. Sono i Betta Blues Society e sono attivi dal 2009.
In 7 anni sono successe molte cose: concerti, festival, dischi, concorsi, interviste e cambi di formazione. In particolare è passato poco più di un anno dall’uscita di “Roots”, il loro secondo album composto da brani della tradizione del blues, del folk e del gospel americani dei primi del ‘900. Un disco a cui la band tiene molto perché ha segnato per loro un nuovo inizio dopo alcuni anni di silenzio.

I Betta Blues Society fanno un appello al mondo del web:
«Nonostante tutta la passione e lo sforzo che abbiamo messo nelle registrazioni e nella promozione del disco sentivamo che continuava a mancare qualcosa, che c’era qualcosa di veramente nostro da far ancora uscire fuori e da raccontare a chi ci ascolta. Ed è per questo che in un anno abbiamo deciso di tirare fuori tutte le cose che avevamo da dire e abbiamo scritto un nuovo disco quasi interamente composto da brani nostri, originali, scritti e arrangiati da noi: “Let Them Out“.
E’ un disco che racconterà di noi e di ciò che ci circonda: cercheremo prima di tutto di regalarvi delle Storie, delle vicende allegre o tristi che ci hanno emozionato e che per noi valgono la pena di essere cantate. Legandoci al blues acustico delle origini, nato per raccontare la vita di chi lo cantava, ma avvicinandoci anche a generi più moderni cercheremo di far sentire vostre le nostre Storie, di farvi vedere le immagini e le emozioni che abbiamo provato e che abbiamo cercato di fissare in musica.
Per fare questo nel modo migliore possibile vi chiediamo se avete voglia di costruire con noi il disco partecipando a questa campagna crowdfunding organizzata per finanziare parzialmente la stampa, la grafica, la promozione e insomma la creazione finale di “Let Them Out”. Tra le ricompense per chi aderirà troverete varie possibilità di contribuire, alcune utili e divertenti da fare insieme e altre con la speranza di conoscerci a qualche concerto.
Partecipare è molto molto semplice: seguite le indicazioni sul sito e partecipate con una donazione libera oppure scegliendo una o più ricompense che preferite tra quelle proposte.
Noi intanto Vi ringraziamo tutti in anticipo; a campagna finita speriamo di poterlo fare di persona!»

Comunicato Stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
All’origine di Internet. Intervista al dottor Marco Sommani

PISA - Gli organizzatori dell'Internet Festival hanno anticipato che l'edizione 2016 sarà una specie di “ritorno al futuro” dove gli...

Chiudi