Un concerto per Bruno Pizzi

Fra le eccellenze musicali pisane va sicuramente ricordato il M° Bruno Pizzi, scomparso nel 1981. Proprio nel  nome del grande Maestro, dieci anni fa, su iniziativa di Paolo Lanini e di alcuni amici che con lui avevano condiviso l’esperienza nella Corale, fu costituito il Coro polifonico “Bruno Pizzi” che ora celebra il proprio decennale con un grande concerto in memoria dell’antico direttore: venerdì 15 marzo alle ore 21, al Teatro Verdi di Pisa. 

Bruno Pizzi fu infatti un importante Maestro del Coro, attivo al Teatro Verdi dove diresse i cori delle stagioni liriche fino al 1964, anno in cui fu chiamato a dirigere il coro stabile del Comunale di Genova dove rimarrà fino al 1972. Fu per altro attivo anche al Comunale di Bologna, al Regio di Parma e alla Fenice di Venezia. A Pisa fu direttore della Cappella Musicale del Duomo di Pisa dal 1934 al 1977 e, soprattutto, fu indimenticato direttore della Corale Pisana, dal 1937 al 1968. Fu proprio sotto la sua guida che la Corale Pisana, all’epoca a sole voci maschili, raggiunse altissimi livelli artistici con notevoli affermazioni e riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale spaziando in un vasto repertorio dalla polifonia sacra e profana, dalla musica lirica fino a quella di derivazione popolare e folclorica, con particolare attenzione alla tradizione toscana e con ricercate armonizzazioni corali. Attestazioni, elogi e riconoscimenti sono stati tributati a Bruno Pizzi da importanti musicisti e personalità del mondo teatrale del suo tempo, insigni Maestri tra i quali Perosi, Refice, Respighi, Gavazzeni, Ziino, Molinari, Pradelli, Pizzetti, Del Corona e molti altri.

Incentrato su celeberrimi cori maschili di opere di Rossini e di Verdi, il concerto è diretto dal M° Gianpaolo Mazzoli e vede come protagonisti il Coro polifonico “Bruno Pizzi” insieme con alcuni componenti della Corale Pisana, preparati dal M° Chiara Mariani; la compagine strumentale è l’Orchestra dell’Istituto L. Boccherini di Lucca; con loro tre grandi solisti: il soprano Silvana Froli, nota interprete che si è sempre distinta per padronanza tecnica e talento interpretativo in ruoli di primissimo piano come Mimì, Tosca, Butterfly, Santuzza, Turandot, Isabeau, Leonora nel Trovatore, Elisabetta nel Don Carlo, Amelia ne Un ballo in maschera, Aida, Silvia in Zanetto, Maddalena di Coigny nell’Andrea Chenier, Abigaille in Nabucco; il tenore Gian Luca Pasolini che, dopo i debutti nel 2006 al Maggio Musicale Fiorentino con i Carmina Burana diretti da Zubin Metha e nel 2007 alla Scala di Milano nel Teneke di Fabio Vacchi, diretto da Roberto Abbado, ha calcato i palcoscenici dei maggiori teatri del mondo, da Trieste a San Pietroburgo, da Venezia a New York, da Roma a Tokyo, solo per citarne alcuni; il basso Francesco Facini, internazionalmente conosciuto come interprete  rossiniano e mozartiano, anche lui di lunga e felice carriera, recentemente applaudito dal pubblico del Verdi come Tiresia nell’Edipo Re che ha chiuso la Stagione Lirica.

Venerdì sera di Rossini verranno eseguiti cori e arie dal Barbiere di Siviglia e dal Gugliemo Tell; di Verdi i due celebri cori dell’Ernani (“Evviva beviam” e “Si ridesti il leon di Castiglia”), seguiti da arie e cori de Il trovatore, Rigoletto e La Forza del destino.

Una serata da non perdere, di sicuro richiamo per il pubblico degli appassionati. Una festa della musica in ricordo di un indimenticabile Maestro.

I biglietti, con prezzi che variano dai 25 ai 10 euro, e riduzioni per gli under30 e gli over65, sono in  vendita al Botteghino del Teatro e on-line su vivaticket. Per maggiori informazioni tel 050 941 111 www.teatrodipisa.pi.it

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
I limiti della satira

Nella puntata dell'11 aprile 2001 di Satyricon, il programma in seconda serata di Daniele Luttazzi, partecipò come ospite Dario Fo....

Chiudi