“Se mi copri rollo al volo”. Tommaso Novi in anteprima al Deposito Pontecorvo

Dopo la fortunata esperienza coi Gatti Mézzi (che, giura, è prontissimo a riprendere fra un po’ di tempo), Tommaso Novi esce con il suo primo lavoro da solista: Se mi copri rollo al volo sarà presentato in anteprima giovedì 30 marzo al Deposito Pontecorvo.

Tommaso, rompiamo il ghiaccio: svelaci tutto lo “svelabile” sul tuo nuovo progetto. Quando, che cosa, come, perché…
«Se mi copri rollo al volo è una storia vera: la mia. È la storia di come, per salvarmi la vita, mi sono rinchiuso in casa a giocare ai video games. Un disco nerd che parla d’amore, droga, epiche gesta e videogames. Di come mi sono scavato la casa per sconfiggere il drago».

Tommaso Novi (grazie a Riccardo Romeo per la foto)

 

Come mai avete deciso di separarvi?
«Si tratta di una pausa necessaria (per noi e per voi) dopo 12 anni di attività ininterrotta. 700 concerti, 6 dischi, tante risate e cose bellissime. Ora ci si rilassa un attimo, si fa un pezzetto di strada da soli e poi si torna».

Ma tornerete insieme?
«certamente! È una promessa».

Che fa l’altro “gattaccio”?
«Sta preparando anche lui un disco».

Un bilancio della vostra carriera fino a questo momento.
«Un viaggio strepitoso, irripetibile, sempre in crescita. Non avremmo potuto desiderare di meglio».

Domandone: qual è la tua massima aspirazione artistica? Si accettano esagerazioni.
«Poter cantare le mie canzoni ad un pubblico sempre maggiore, suonare su grandi palchi e fare tanti dischi fino a che la mia voce e le mie mani me lo permetteranno».

Ti aspettavi il successo dei Gatti Mézzi?
«No… Difficile prevedere una roba così»

A quali artisti vi siete ispirati per il vostro progetto?
«A nessuno… Le somiglianze, se ci sono, sono tutte dovute a processi creativi non consapevoli. Ognuno ha nel capo tante suggestioni: scrivendo vengono fuori da sole».

La canzone a cui sei più affezionato: com’è nata, eccetera.
«Sono tante e sono nate quasi sempre in treno nei viaggi Pisa – Firenze (andando in conservatorio) o sugli scogli di Marina di Pisa quando pesco».

Fischio for dummies: dacci due dritte per imparare.
«C’è solo da frequentare il mio corso di fischio musicale. Vi lascio la mail: contattatemi! tommasonovi@gmail.com».

Francesco Bondielli
Condividi l'articolo
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
“Che paura la paura”: quando il coraggio si scopre giocando

Si trova da ieri in libreria la nuova creazione di Luisa Zana e Nicoletta Codignola, edita da Istos, nella collana...

Chiudi