Teatro Verdi: una stagione di prosa da non perdere

Al via la stagione di prosa 2016/17

Tre classici, tre spettacoli di drammaturgia contemporanea, e due spettacoli legati alla memoria collettiva, per un totale di otto spettacoli di cui ben cinque nuove produzioni al debutto stagionale e tre prime nazionali. Dal 29 ottobre al 9 aprile ci aspetta una stagione di prosa interessante e foriera di temi e argomenti sui quali è sempre indispensabile tenere alta l’attenzione, questo unito all’alta qualità che contraddistingue le scelte artistiche a cui ci ha abituato il Teatro Verdi e nella fattispecie il suo Direttore Artistico Silvano Patacca rendono la stagione di prosa 2016/17 una stagione da non perdere.

teatro-verdi

Importanti e significativi anche i protagonisti che calcheranno  il palco del nostro teatro quest’anno: da Giulio Scarpati a Laura Morante, da Fabrizio Bentivoglio a Emilio Solfrizzi. I testi portati in scena vanno da Shakespeare a De Filippo, da Moliere a Goldoni da Ettore Scola a Stefano Massini.

Un calendario vario ed eterogeneo come vario ed eterogeneo è il pubblico del teatro Verdi che è composto da molti giovani (studenti e non) ma anche da cittadini pisani e del territorio circostante che spesso hanno gusti ed esigenze diverse. Su ogni singolo spettacolo si potrebbe parlare e costruire percorsi di approfondimento, ma vediamo il calendario più da vicino e in ordine di rappresentazione:

29 e 30 ottobre: DOPO LA TEMPESTA – L’opera segreta di ShaKespeare                                            drammaturgia e regia Armando Punzo
                          musiche originali e sound design Andrea Salvadori
                          scene Alessandro Marzetti, Silvia Bertoni, Armando Punzo
                          costumi Emanuela Dall’Aglio
                          aiuto regia Laura Clari
                          con i detenuti-attori della Compagnia della Fortezza                                                   produzione Volterra Teatro/Carte Blanche Centro Naz. Teatro e Carcere

Cosa dire su questo spettacolo? Armando Punzo due anni fa ha letteralmente incantato il teatro Verdi e la città intera di Pisa, con Santo Genet. Il pubblico del Verdi non ha ancora dimenticato l’emozione e il pathos che Punzo riesce a creare con le sue opere e l’attesa per questa nuova mis en scene è palpabile. Spettacolo di drammaturgia contemporanea.    Prima nazionale  – IMPERDIBILE

5 e 6 novembre: IL FILO DELL’ACQUA

                           di Francesco Niccolini
                          regia di Roberto Aldorasi e Francesco Niccolini
                          con Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci
                          scene e video Antonio Panzuto
                          musiche originali Paolo Coletta
                          luci Marco Messeri
                          costumi Lucia Socci
                          produzione Arca Azzurra Teatro

La Compagnia Arca Azzurra Teatro non è nuova sulle tavole del palcoscenico cittadino e i suoi spettacoli hanno un buon seguito e ottime recensioni (ricordiamo Pinocchio di Ugo Chiti). Questo spettacolo è legato al territorio e alla memoria, poichè nasce per raccontare, nel cinquantesimo anniversario, l’alluvione di Firenze, e la reazione popolare che si attivò. Il racconto di quattro lunghi giorni, dalla tragedia alla speranza. Prima nazionale – INTERESSANTE

17 e 18 dicembre – NON TI PAGO                                                                                                   di Eduardo De Filippo
                         regia Luca De Filippo
                          con Gianfelice Imparato, Carolina Rosi, Viola Forestiero, Nicola Di Pinto,                          Federica Altamura, Andrea Cioffi, Massimo De Matteo, Carmen Annibale, Gianni Cannavacciuolo, Giovanni Allocca, Paola Fulciniti,
                              musiche Nicola Piovani
                             scene Gianmaurizio Fercioni
                             costumi Silvia Polidori
                             luci Stefano Stacchini
produzione Elledieffe s.r.l

L’ultima opera portata in scena dall’indimenticabile Luca De Filippo che viene adesso sostituito magistralmente da Gianfelice Imparato. Una delle commedie più brillanti e divertenti del repertorio eduardiano, dove non manca l’amarezza che contraddistingue e caratterizza il mondo  di De Filippo. Un classico. DA VEDERE

21 e 22 gennaio – IL BORGHESE GENTILUOMO                                                                               di Molière
                            regia Armando Pugliese
                           spettacolo prodotto da Roberto Toni
                           produzione ErreTiTeatro30

Emilio Solfrizzi torna a Pisa dopo il clamoroso successo dell’anno passato. Uno spettacolo nuovo che debutta in questa stagione e un grande classico di tutti i tempi. Un Molière inconfondibile, una commedia divertente con al centro un borghese ambizioso e arrampicatore interpretato da Solfrizzi, beniamino del pubblico. Classico tradizionale. INTERESSANTE

28 e 29 gennaio – UNA GIORNATA PARTICOLARE                                                                            di Ettore Scola e Ruggero Maccari
                             adattamento teatrale Gigliola Fantoni
                             regia Nora Venturini
                             con  Giulio Scarpati, Valeria Solarino e altri 5 attori
                             scena Luigi Ferrigno
                             costumi Marianna Carbone
                             luci Raffaele Perin
                             video e suoni Marco Schiavoni
                             produzione Gli Ipocriti

Un film indimenticabile, una pietra miliare del cinema italiano. Questo già bastarebbe per voler vedere la messa in scena teatrale, aggiungiamo poi due interpreti amati come Giulio Scarpati e Valeria Solarino e la ricorrenza del giorno della memoria ecco che gli ingredienti per uno spettacolo da vedere ci sono tutti. DA VEDERE

18 e 19 febbraio: LOCANDIERA B&B                                                                                                 di  Edoardo Erba
                            liberamente ispirato a “La Locandiera” di Carlo Goldoni
                            regia Roberto Andò
                            produzione Nuovo Teatro
                            in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana

Edoardo Erba è senza dubbio uno dei maggiori drammaturghi contemporanei italiani. Mirandolina diventa Mirandola ed è interpretata dall’attraente e bravissima Laura Morante. La rivisitazione di un grande classico che debutta nel corso della stagione. Classico Rivisitato. INTRIGANTE

25 e 26 febbraio: L’ORA DI RICEVIMENTO – banlieue                                                                       di Stefano Massini
                            regia Michele Placido
                          con la Compagnia dei giovani del Teatro Stabile dell’Umbria Francesco                      Bolo Rossini, Giordano Agrusta, Arianna Ancarani, Carolina Balucani, Vittoria Corallo, Balkissa Maiga, Stefano Patti, Samuel Salamone, Giulia Zeetti, Marouane  Zotti
                             scene Marco Rossi
                             costumi Andrea Cavalletto
                             musiche originali Luca D’Alberto
                             voce cantante Federica Vincenti
                             luci Simone De Angelis
                             produzione Teatro Stabile dell’Umbria
                             si ringrazia Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

Autore, interprete e tematica. Un connubio strepitoso. Stefano Massini, drammaturgo, autore, tra l’altro, di Lehman Trilogy  (l’ultimo lavoro di Luca Ronconi). Fabrizio Bentivoglio, interprete, uno dei più sensibili e stimati attori del panorama italiano. La tematica è una delle più discusse di questi tempi: la banlieue, l’integrazione, il multiculturalismo. Drammaturgia contemporanea. DA NON PERDERE

8 E 9 aprile: FRANCO STONE – una storia vera                                                                       da un’idea de I Sacchi di Sabbia, Sergio Costanzo, I Gatti Mézzi
                    con Marco Azzurrini, Francesco Bottai, Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni                     Guerrieri, Enzo Illiano, Tommaso Novi, Rosa Maria Rizzi, Giulia Solano
                    testo e regia I Sacchi di Sabbia
                    musiche I Gatti Mézzi
                    scene e costumi Guido Bartoli
                    disegno luci Stefania De Cristoforo
                   una produzione Internet Festival/I Sacchi di Sabbia in coproduzione con                           Armunia
                     in collaborazione con la Fondazione Teatro di Pisa e con il sostegno della                           Regione Toscana

Questo spettacolo è legato a doppio filo con la nostra città. Le eccellenze artistiche della nostra città sono quasi tutte presenti: i Sacchi di Sabbia, Sergio Costanzo, i Gatti Mezzi, e Gipi. La storia prende avvio dalla leggenda di Franco Stone, scienzato pisano che galvanizzava i cadaveri. “Franco Stone potrebbe essere stato il modello per Victor Frankenstein?” Racconto teatral-musicale. DA NON PERDERE

Vogliamo spendere anche un commento per lo spettacolo del 26 gennaio che è una matinée per le scuole (e un po’ ci dispiace) ed è il progetto speciale per il giorno della memoria. Non sempre è facile per le scuole, nonostante la buona volontà degli insegnanti, proporre ai ragazzi iniziative che abbiano un forte messaggio storico ma valide anche sotto l’aspetto artistico e attrattive e nuove per le nuove generazioni. Questo spettacolo ha tutte le caratteristiche necessarie.

26 gennaio: BENT                                                                                                                   di Martin Sherman
                   regia Lorenzo Tarocchi
                  con Alessandro Novolissi, Gabriele Giaffreda, Alessio Nieddu, Francesco Tasselli, Henrj Bartolini, Davide Arena
                  voce fuori scena Marcello Sbigoli
                  scene e luci Eva Sgrò, Loris Giancola
                  costumi Tedavì ‘98
                  produzione Associazione Culturale Masaccio
                  con la collaborazione di Amnesty International Italia

Uno spettacolo per il giorno della memoria che affronta una pagina di Storia spesso dimenticata o sottovalutata: la deportazione degli omosessuali. “Uno spettacolo potente che pone l’accento sulla capacità di prendere coscienza della propria dignità e sul valore dell’amore in una situazione di completa disumanizzazione, e lo fa a tratti con tagliente ironia, a tratti con emozionante poeticità.” Drammaturgia contemporanea. DA VEDERE

Condividi l'articolo
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Lucca Comics & Games, le fiere del fumetto e il fenomeno del cosplay

Ottobre giunge al termine e, come ogni anno, la sua fine porta con sé non solo il mese di novembre...

Chiudi