Santo Genet a Siena

Volentieri pubblichiamo il comunicato della Compagnia della Fortezza

 


____________________________________________________

SANTO GENET


Santo Genet Commediante e Martire
Come santi meravigliosi,
nell’atto dell’estasi, dell’oblio.
Perché quel corpo deve essere mitizzato,
non è il corpo del reato del reale,
ma è il corpo di chi si allontana dal reale,
dalla storia e dalla sua storia.
Tutte qualità e potenzialità nello stesso soggetto.
Genet non uccide, si uccide, si sacrifica.
Sacrifica il suo essere.
I suoi eroi vengono svuotati della loro realtà.
Ogni omicidio diventa un suicidio,
un morire a se stessi su un piano estetico.
Il teatro è la macchina del delitto.
La realtà diventa immagine reale
che si fa riflesso
che tradisce la realtà con tutta la sua arroganza.
Genet non è diversità
in una società convenzionale.
E’ mastro indicatore
di un modo di cercare altre possibilità.
E’ l’alchimista, colui che trasforma
la materia vile in oro.
Genet applica la crudeltà artaudiana
verso se stesso, verso la sua biografia,
trasformata, amputata di realismo,
in un monumento alla diversità,
all’esaltazione dell’inesaltabile.
Sulle scene siamo ancora al diritto di esistenza
delle diversità, alla ricerca di accoglienza,
tra le braccia sempre dello Stato attuale.
Il diritto di cittadinanza, la battaglia per i diritti,
il bisogno di entrare in seno all’esistente
che non è altro che proiezione
di un desiderio di essere Stato.
Il diritto è senza battaglia,
è l’essere fuori dallo Stato,
l’essere senza il desiderio di esserci.


Armando Punzo

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Enter Lady Macbeth

     venerdì 20 e sabato 21 marzo ore 21, Chiesa di Sant’Andrea Compagnia Simona Bucci ENTER LADY MACBETH ispirato...

Chiudi