Con un insolito Pirandello si chiude la stagione di prosa del Teatro Verdi

 UN PIRANDELLO CHE NON TI ASPETTI 

Sabato e domenica al Verdi la stagione teatrale chiude in bellezza

con “Il piacere dell’onestà” firmato da Alessandro Averone

 
PISA – «Il Pirandello che non ti aspetti: allegro, vivace, energetico come una marcia turca di Mozart eseguita in versione rock, in bilico sul crinale del vaudeville ma senza rinunciare a niente della metafisica, filosofica profondità che è la cifra più caratteristica dello scrittore siciliano.» Così “L’Osservatore romano” su Il piacere dell’onestà diretto e interpretato da Alessandro Averone, la cui lunga tournée, in corso dal febbraio dello scorso anno, arriva ora anche a Pisa, per chiudere in bellezza la Stagione teatrale: in scena al Verdi sabato sera (23 marzo ore 21) e domenica pomeriggio (24 marzo ore 17).
Ispirata alla novella Tirocinio del 1905 e rappresentata per la prima volta nel novembre del 1917 a Torino, Il piacere dell’onestà è uno dei testi più grotteschi di Pirandello che anche qui, con la sua straordinaria maestria e la consueta causticità, attraverso il meccanismo del paradosso, mette in risalto le tematiche a lui care: la differenza fra l’essere e l’apparire, fra la maschera sociale e chi si è veramente. Tematiche ancora oggi quanto mai attuali. «Ci muoviamo costantemente circondati da immagini – annota infatti Alessandro Averone – infinite immagini di come gli altri ci appaiono, di come noi appariamo a noi stessi e al mondo che ci circonda. Immagini di come vorremmo essere percepiti, di come gli altri vorrebbero essere visti da noi. Forme, involucri a cui l’uomo si aggrappa disperatamente per ancorarsi ad un senso del proprio essere. Il dibattersi grottesco dell’essere umano nel tentativo di rinchiudere la sostanza della propria persona in una forma riconoscibile che ne sancisca una verità. Non importa come e non importa a che prezzo. Fosse anche la limpida e chiara onestà di una menzogna costruita a tavolino, di comune accordo. Per sopravvivere. »
Pirandello
La trama è nota de Il piacere dell’onestà è nota: Angelo Baldovino, un passato costellato da imbrogli dovuti al vizio del gioco, su invito di un vecchio compagno di scuola accetta di sposare Agata, una giovane donna che aspetta un bambino da un nobile ammogliato, il marchese Fabio Colli. Un matrimonio, insomma, che deve creare l’apparenza della rispettabilità ed evitare lo scandalo.  L’apparenza di onestà che gli viene richiesta spinge via via Angelo a comportarsi in modo spietatamente sincero mentre tutti gli altri attorno a lui faranno sempre più difficoltà a restare ‘in parte’. Solo la giovane Agata saprà coglierne il senso profondo, nutrendo per Baldovino una specie d’amore. Così quello che è nato come un inganno sociale si trasforma in una unione vera.
In scena, accanto allo stesso Alessandro Averone nel ruolo di Angelo Baldovino, Alessia Giangiuliani è Agata, Laura Mazzi è sua madre Maddalena, Marco Quaglia è il marchese Fabio Colli, Gabriele Sabatini un parroco e Mauro Santopietro è Maurizio Setti, cugino del marchese e amico di Baldovino. 
Uno spettacolo da non perdere, che ha il grande merito di non conoscere momenti di stasi grazie alla fluidità di forma ed espressione frutto della grande abilità degli interpreti e grazie alla «talentuosa, sorprendente, efficace e personale» cifra stilistica del regista, come si legge in una delle molte recensioni, tutte più che positive.
Uno spettacolo dove, citiamo ancora da “L’Osservatore romano”, «basta una marsina settecentesca per far respirare l’atmosfera dell’illuminismo francese post ancien régime, il tono melodrammatico che vira al grottesco delle interpreti femminili per disegnare geometrie da salotto borghese alla Feydeau, un paio di occhiali da sole e un giubbotto di pelle per riportare il focus dell’azione ai giorni nostri. Licenze poetiche più che lecite dato che la celeberrima commedia pirandelliana è in fondo una riflessione sulla verità e l’apparenza nei rapporti interpersonali.»
Scene di Alberto Favretto, costumi di Marzia Paparini, luci di Luca Bronzo, musiche a cura di Mimosa Campironi.
Lo spettacolo è prodotto dal Teatro Metastasio di Prato in collaborazione con Knuk Company
Biglietti al Botteghino del Teatro Verdi (sportello e telefonica) e nel circuito vivaticket (on-line e nei punti vendita del circuito). Per informazioni tel 050 941111 e Teatro di Pisa
Condividi l'articolo
,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Perdetevi dentro il Museo della Follia

Un edificio bianco dalle forme composte, appena restaurato, appoggiato tranquillo su un grande prato accanto alle mura di Lucca: è...

Chiudi