Vivere in un piccolo borgo è bello, anzi intimo

Dici borgo e pensi a un piccolo paese, poche persone, aria buona, mangiare sano, vita lenta e piacevole. Ma piccolo quanto? Porre un limite quantitativo a un concetto sentimentale è sempre un’impresa difficile. Eppure si deve fare. Si accetta che un borgo sia un piccolo paese di non più di 5 mila persone? Troppe? Troppo poche? Certo è che in Italia può essere piccolo un Comune con 15 mila abitanti e che, d’altro canto, resistono ancora Comuni con poche decine di residenti.

Quindi meglio lasciar perdere i numeri e guardare ai sentimenti, alle sensazioni. Intimo è bello. E di questo fare punto di resistenza sociale e di politica territoriale; molte zone d’Italia hanno bisogno di un’idea di rilancio sociale ed economico. Spesso i Francesi hanno avuto idee brillanti in materia. Nel 1982, proprio in Francia nacque l’associazione Le Plus Beaux Villages de France, per iniziativa di Charles Ceyrac, sindaco di Collonges-La-Rouge, paesino situato nel dipartimento della Corrèze nella regione della Nuova Aquitania. Nel giugno 2001 Antonio Centi, come Presidente della Consulta Turismo dell’ANCI e dell’ANCI Abruzzo, presentò la proposta di costituire l’Associazione dei Borghi più Belli d’Italia, dichiarando: “Il nostro obiettivo oltre a consentire ai comuni di svolgere il ruolo di promozione del loro territorio, è quello di valorizzare la grandissima ricchezza di culture, di tradizioni, di beni storici, artistici ed enogastronomici che possiamo incontrare in numerosissimi comuni italiani.

L’idea di costituire l’associazione I più bei Borghi d’Italia consentirà quindi il rilancio di un’Italia rurale, una ricchezza che chiede solo di essere valorizzata, e che può fornire opportunità economiche di rilievo. Oggi i borghi aderenti al Club sono 279 comuni con meno di 15 mila abitanti. Si può dire che l’idea di Centi era buona, e che abbia avuto successo, soprattutto come promozione turistica di aree meno frequentate. Nonostante la complessa e difficile situazione internazionale, che faceva paventare un calo del turismo verso l’Italia e l’indebolimento dello sviluppo locale delle comunità situate in zone meno turistiche, i borghi hanno dimostrato tutta la loro vitalità. Espressioni come Italia minore e Italia Nascosta, sono diventate sinonimo di ricerca di luoghi non solo piccoli, ma intimi.

Il bello dei Borghi più Belli d’Italia, è che nel loro insieme mantengono i propri residenti, sono in stato di equilibrio dall’inizio del terzo millennio, con una quota che anzi vede aumentare il numero dei residenti; in qualche caso sono i giovani che vanno a vivere nei piccoli centri, lasciando la vita della città. Il punto dolente resta il Meridione, dove il saldo è troppo spesso negativo.

Corciano, Castello di Solomeo

Lo slogan scelto dai Borghi più Belli d’Italia per la propria Guida segnala un approccio che è anche una differente lettura del territorio: “Il fascino dell’Italia nascosta”. Sul modello dei Plus Beaux Villages de France anche il Club si è dato subito una Carta di Qualità, che vincola gli associati al rispetto di criteri stringenti e che è rimasta immutata fin dalla sua prima versione. La popolazione nel Borgo non deve superare i duemila abitanti e i quindicimila nell’intero comune; in secondo luogo il patrimonio architettonico o naturale deve avere un’estetica omogenea e sia certificato da una documentazione in possesso del comune o della Soprintendenza delle Belle Arti; terzo criterio è la qualità urbanistica del Borgo; infine il quarto requisito è che atti pubblici abbiano manifestato la volontà politica di valorizzare, sviluppare e promuovere adottando azioni tangibili e misurabili. I borghi italiani sono complessivamente molti di più di quelli aderenti al Club dei più belli. E sono, al di là della retorica delle parole, un vero museo diffuso, non organizzato da qualcuno ma reale. E’ fondamentale però che il ritorno dei residenti non sia trainato solo dal Turismo, e che siano soprattutto i giovani a stabilirsi nei piccoli centri, spinti da una nuova sensibilità verso i rapporti personali e nei confronti dell’ambiente. Un esempio importante è quello del castello di Solomeo, dove Brunello Cucinelli ha ricreato il concetto di borgo come fabbrica delle idee e delle innovazioni, e dove il e l’utile s’intrecciano meravigliosamente. E poi c’è Lierna, piccola frazione del Comune di Poppi, nella quale un terzo dei 158 abitanti totali ha meno di 35 anni e molti sono i bambini che qui trovano tutto lo spazio che vogliono per correre e giocare liberi. L’Onu ci fa sapere che nel 2050 i due terzi della popolazione mondiale vivranno nelle città, secondo una tendenza trainata principalmente da tre Paesi – India, Cina e Nigeria – con Delhi che a partire dal 2028 diventerà la metropoli più abitata al mondo. Oggi il primato spetta a Tokyo, capitale del Giappone, che ha 37 milioni di abitanti.

Che dire, se non che l’idea di andare a vivere in un borgo è un’idea di nuova resistenza sociale?

Gian Luigi Corinto

Direttore di Tuttomondo news.

Latest posts by Gian Luigi Corinto (see all)

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Borgo, borghese, borgata, borgataro…

La parola borgo, oggi sembra avere più un senso positivo che negativo. Perché la città sta diventando caotica, anche quando...

Chiudi