A novembre in scena a Pisa e dintorni

Ogni mese ha le sue bellezze e le sue novità. E anche se novembre non è certamente uno di quelli più gioiosi e spigliati siamo certi di riuscire a trovare, tra i cartelloni di Pisa e provincia, qualche appuntamento gustoso da proporvi.

teatro-1

Come sempre partiamo dalla città della torre pendente: il 28 e 29 novembre il Verdi porta in scena un grande classico del teatro del ‘900, Morte di un commesso viaggiatore di A. Miller, per la regia di Elio Capitani, mentre l’11 e il 12 dicembre rilancia con Eneide di Kripton. Un nuovo canto, scritto e diretto da Giancarlo Cauteruccio, riedizione di una pietra miliare della ricerca teatrale, con le musiche dei Litfiba e dei Beau Geste.

Il teatro Era di Pontedera continua ad essere molto propositivo: il 21 e il 22 novembre César Brie scommette, insieme alla giovane Catia Caramia, sulla sua ultima fatica dal titolo La Volontà, frammanti per Simon Weil. Il 24 e il 25 novembre invece, l’attore, regista e drammaturgo argentino ci propone Ero, un lavoro che è in realtà “un viaggio attraverso le vicende annidate dietro le grandi parole […] come amore, morte, assenza, dolore, gioia”, con l’intensità che da sempre caratterizza Brie.

Il 5 e il 6 dicembre troviamo in cartellone una produzione del Teatro Era di cui abbiamo già parlato: 2X2=5 L’Uomo dal Sottosuolo, tratto da Memorie del Sottosuolo di F.M. Dostoevskij, con Cacà Carvalho diretto da Roberto Bacci. Ma negli stessi giorni anche Gabriele Lavia, in compagnia di Massimiliano Aceti, si cimenta con un altro grande testo del celebre romanziere russo, vale a dire Il sogno di un uomo ridicolo.

Spostandoci a Cascina troviamo, oltre a Michele Santeramo con il suo La prossima stagione (21 novembre) di cui vi abbiamo già ampiamente parlato, Il Minotauro di Zaches Teatro con Gianluca Gabriele, Anna Solinas e Eugenia Coscarella, uno spettacolo che fonde danza contemporanea e teatro, scavando nel mito classico.

Il 6 dicembre, sempre alla Città del Teatro, la Compagnia Virgilio Sieni va in scena con Dolce Vita, Archeologia della Passione, con Ramona Caia, Claudia Caldarano, Giulia Mureddu, Sara Sguotti, Marjolein Vogels, Jari Boldrini, Maurizio Giunti, Giulio Petrucci.

Anche Lari ha da poco fatto uscire la programmazione del suo teatro: si comincia sabato 27 novembre con la Compagnia Laboratorio Scenica Frammanti in Povero P di Achille Campanile, per continuare venerdì 4 dicembre con Vademecum di Sara Cescon e Manuel Massarotto, un vero e proprio decalogo teatrale, sulle differenze tra la città e la campagna. Infine venerdì 11 dicembre, sempre a Lari, va in scena M.I.L.F con Isabella Cecchi e Nunzio Sardella (in arte Regina Miami).

Infine vi suggeriamo, venerdì’ 20 novembre, di fare un salto al Teatro F.Di Bartolo di Buti per Trattato di Economia, Coreocabaret confusionale sulla dimensione economica dell’esistenza, scritto, diretto e interpretato da Roberto Castello e Andrea Cosentino.

A Pisa e in provincia, spettacoli per tutte le stagioni!

chiara

 

Chiara Lazzeri

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
RienNeVaPlus, dalle chat al palcoscenico

Una sedia e una poltrona. Nient'altro sul palcoscenico, oltre a Martina (Marina Romondia - ndr) che passa dall'una all'altra raccontando...

Chiudi