Museo Navi romane, prossima apertura

Ultime tornate, verso l’apertura del Museo delle Navi romane.

PISA – Manca veramente poco all’apertura che un’intera città aspetta, quella relativa al futuro Museo costruito nella cornice degli Arsenali medicei.

A gennaio 2017, TuttoMondo aveva scritto un articolo per spiegare nel dettaglio l’apertura del cantiere museale, e per raccontare le prime due sale del museo. A distanza di un anno non potevamo non dare la notizia della prossima apertura ufficiale del Museo.  Una struttura all’avanguardia, perfetto contenitore del memorabile ritrovamento, datato 1998: quello delle navi di San Rossore. Già da un anno la struttura che ospitò nel XX secolo le regie scuderie, è fruibile dalla cittadinanza grazie alla felice intuizione di rendere il cantiere museale una sorta di allestimento en plain air; è stata infatti data la possibilità di visitare le prime sale allestite, proprio per avvicinare sempre più la collettività a quello che sarà un vero e proprio punto di riferimento culturale per la città di Pisa. Lo scorso 25 Settembre è stato avviato infatti l’ultimo lotto di lavori, quello finale che terminerà proprio con la nascita del tanto atteso museo. I lavori, realizzati con un fondo MiBACT di 5 milioni di Euro, vedranno – si legge sul comunicato della Soprintendenza di Pisa e Livorno – «Il restauro e il completamento dell’impiantistica delle campate che ospiteranno il Museo, il loro allestimento, il completamento del restauro di alcuni grandi reperti.» L’esposizione museale si snoderà su quasi 5 mila mq; un’ampia superficie sviluppata su 7 aree tematiche divise in ben 74 sezioni.

Si andrà dall’economia di Pisa antica, al fenomeno delle alluvioni, passando per l’esposizione di imbarcazioni vere e proprie. Le aree tematiche e le relative sezioni narreranno in maniera esauriente la storia del territorio e al tempo stesso la storia della navigazioni. Spazio verrà chiaramente dato alle tecniche di restauro, vero e proprio fiore all’occhiello di questa scoperta archeologica. Il sito di San Rossore rappresenta, infatti, un unicum mondiale e le tecniche applicate per restaurare le evidenze ivi nascoste per oltre duemila anni, costituiscono un vero e proprio motivo d’orgoglio “scientifico” per la Soprintendenza e la città stessa.

La regina dell’allestimento sarà senza dubbio ALKEDO, nave augustea perfettamente conservatasi per duemila anni, tanto è il periodo trascorso dal suo affondamento, che gli archeologi collocano tra il 5 e il 10 d.C. Una nave perfetta imitazione delle navi da guerra in uso all’epoca, forse posseduta da un ricco signore a testimonianza della sua opulenza, una vera e propria Ferrari dell’antichità. La peculiarità della suddetta imbarcazione sta però anche nella metodologia di restauro, il natante è stato infatti trattato praticamente per intero, un record viste le dimensioni.

Il countdown è già iniziato, la consegna dei lavori è prevista per l’Estate 2018, presto l’antica Pisa avrà il suo collegamento diretto con la storia interrotto, tra le ondate di piena, duemila anni fa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Carlo Ipata svela “Il Girello” di Melani

Il cartellone del Teatro Verdi di Pisa continua a sorprendere e incantare il proprio pubblico, questa volta con una "fiaba"...

Chiudi