Con Messiahaendel prosegue la danza al Teatro Verdi

UNA CREAZIONE ORIGINALE DI PAOLO MOHOVICH SULLA SPIRITUALITA’ E LA MUSICALITA’, “MESSIAHAENDEL”, PER I GIOVANI E TALENTUOSI DANZATORI DELL’EKO DANCE INTERNATIONAL PROJECT, DIREZIONE ARTISTICA DI POMPEA SANTORO.

Di scena al Teatro Verdi venerdì 22 febbraio alle ore 21.

Al termine dello spettacolo, incontro con il coreografo a cura di Silvia Poletti, critico e studiosa di danza.

PISA – Affascinato dal potente oratorio barocco Messiah di Georg Friedrich Haendel, il coreografo Paolo Mohovich, già fondatore del Balletto dell’Esperia e dal 2007 direttore artistico e ideatore di Palcoscenico Danza, crea uno
spettacolo, MESSIAHAENDEL, che trae ispirazione dalla ricerca fatta su quest’opera che si è sviluppata su più fronti: da quello musicale, legato essenzialmente alla partitura e alle sue atmosfere cangianti, a quello architettonico scultoreo e pittorico legati all’arte rinascimentale e barocca con i suoi volumi, il vigore plastico, il gusto dominante per gli effetti prospettici e i chiaro scuri fortemente accentuati e quello spirituale presente nei versetti biblici selezionati da Charles Jennens.
Il gesto e la forma, in questo eccezionale ambiente sonoro, sono il mezzo espressivo attraverso il quale i talentuosi danzatori di Eko Dance International Project, direzione artistica Pompea Santoro, descrivono, in una scena scarna, le dinamiche prodotte da queste fonti di ispirazione.

L’oratorio Messiah è incentrato sulla figura di Gesù Cristo, trait d’union tra l’umano e il divino, simbolo della ricerca della spiritualità e della necessità per l’uomo di raggiungere la perfezione dell’armonia, ricerca che nel tempo ha influenzato lo spirito di molti artisti. La creazione artistica nasceva infatti in risposta a un urgenza spirituale e all’assillo conoscitivo alimentato dalle nuove scoperte scientifiche che fornivano una nuova visione del cosmo.

Messiahaendel

Messiahaendel

Di scena venerdì 22 febbraio ore 21 al Teatro Verdi, quarto titolo della Stagione di Danza 2018/19 organizzata in collaborazione con FTS onlus, questo coreografia di Mohovich utilizza dell’oratorio alcuni brani che danno allo spettacolo atmosfere dinamiche date dal continuo evolversi dei vari quadri, che evocano senza raccontare e dove il linguaggio del corpo e l’ispirazione musicale si fondono per coinvolgere ed avvolgere lo spettatore nei variegati stati d’animo profondamente contrastanti che caratterizzano l’oratorio. Non ci sono narrazioni né descrizioni dei versetti biblici, ma allusioni simboliche che conducono a un’atmosfera sospesa tra finito e infinito, tra umano e divino, tra sogno e realtà, presentando alcune immagini della storia sacra come se fossero dei quadri in un’atmosfera caravaggesca di luci ed ombre.

«…Paolo Mohovich è riuscito nella sfida di creare un MessiaHaendel fluido, e danzato con convinzione dall’Eko Dance International Project di Pompea Santoro, già danzatrice prediletta da Mats Ek….- ha scritto Marinella Guatterini sul  Sole 24 Ore –  La tecnica accademica si sfalda in un linguaggio ibrido, moderno, tenendo stretta a sé l’idea portante, senza esitazioni: qui entro un capolavoro musicale che i ballerini non negano ma esaltano anche senza l’atteso “Alleluia!” »

Giuditta Alfarano, Silvia Arena, Carlotta Avidano, Anabel Barotte, Giorgia Bonetto, Andrea Carozzi, Anastasia Crastolla, Manuela Gallingani, Nicole Gritti, Aymara Herrero, Eugenio Micheli, Stefano Milione, Veronica Morello, Francesca Raballo, Umberto Rota, Elena Zanato sono gli splendidi danzatori, con costumi disegnati da Cicci Mura, mentre il disegno luci è a cura di Paolo Mohovich e Mauro Panizza.

Al termine dello spettacolo, incontro con il coreografo a cura di Silvia Poletti, critico e studiosa di danza.

PORTA UN AMICO O UN’AMICA A TEATRO: promozione riservata agli abbonati alla Stagione d’Opera o Stagione dei Concerti della Normale, acquista un biglietto per questo spettacolo, il secondo te lo regaliamo noi.

Per ulteriori informazioni: Fondazione Teatro di Pisa, tel 050 941111

 

Fonte: comunicato stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
La pericolosa attualità di Goethe e Turner e la salvifica importanza del disegno

La pericolosa attualità di Goethe e Turner e la salvifica importanza del disegno di Ludovico Riviera

Chiudi