Long Playing, una vita a 33 giri

Come si racconta una “vita a 33 giri”? Lo ha fatto egregiamente Giovanni Vannozzi nel suo Long Playing, presentato davanti a una folta platea giovedì scorso al Teatro Lux. Ultima uscita della collana CattiveStrade di MdS editore, il libro si presenta come un vecchio vinile, con 9 tracce “letterarie” nel lato A, che abbraccia gli anni ‘80-’90, e altre long playing9 nel lato B, dedicato invece agli anni ‘90-2000, ed è punteggiato qua e là da citazioni e riferimenti a brani e gruppi cari all’autore (Smiths, Cure, Radiohead…). C’è persino una ghost-track, a conferma del DNA musicale dell’opera. “Perché la musica” – come ha raccontato Vannozzi durante la serata “è parte integrante della mia vita e non riesco a ricordare nessun momento del mio vissuto senza abbinarlo a un brano, senza farlo accompagnare da una colonna sonora”. Non a caso questa antologia di racconti, che sono ora melanconiche ballate blues ora vibrazioni di basso da punk-rock, ha trovato spazio in una collana che, come ha spiegato il curatore, Fabrizio Bartelloni, trae spunto e ispirazione a propria volta dalla musica, richiamando espressamente nel titolo un famoso pezzo composto da Fabrizio De André e Francesco De Gregori. Ma l’opera di Vannozzi ha radici anche nella letteratura, e il suo stile asciutto, immediato, a tratti “sporco” come il suono restituito dalla puntina di un vecchio giradischi, rimanda ora a Carver ora a Fante, ora a Buzzati e ora a Hornby, senza diventare mai, tuttavia, rimasticatura di qualcosa di già letto o long playinggià sentito. Ciò che più colpisce nella scrittura di Vannozzi è infatti l’originalità del timbro, la capacità di trascinare il lettore all’interno delle storie che racconta dandogli la sensazione di accompagnare fisicamente i personaggi nel dipanarsi delle loro vicende, grazie a un linguaggio che “fotografa in modo realistico e a tratti crudele le “atroci delizie” della provincia, come scrive il Prof. Pierantonio Pardi nella sua postfazione. Non resta che mettersi comodi, allora, e assaporare tutti gli attacchi, le strofe e gli assoli di questo Lp su carta.

Comunicato Stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Sir Eliot Gardiner e la rassegna Anima Mundi 2016

PISA - Dal 10 al 24 settembre 2016 si svolgerà la XVI edizione di Anima Mundi, la grande rassegna internazionale di...

Chiudi