La nuova stagione teatrale parte in grande

Gli appuntamenti a teatro che non dovreste perdere. Breve guida alle rappresentazioni del mese nei teatri di Pisa e provincia

IMAX_THEATER

Come ogni mese, diamo per voi uno sguardo ai cartelloni dei teatri di Pisa e provincia, per suggerirvi qualche proposta.

Il teatro Verdi, come abbiamo visto il mese scorso, apre la sua stagione teatrale di prosa il 23 ottobre con Sarto per Signora mentre, sempre a Pisa, al Teatro Lux di Piazza Santa Caterina, va in scena dal 16 al 18 ottobre Mi voleva la Juve, con la regia di Gianfelice Facchetti, ispirato alla storia vera di un bambino, Giuseppe, cresciuto nella periferia di Milano negli anni ’70.

Al Teatro Rossi Aperto invece, il 23 ottobre troviamo Valentina Bischi, drammaturga, regista e interprete del suo Insabbiati, uno spettacolo che prende spunto da una vicenda che riguarda la storia familiare dell’attrice, le lettere del nonno, partito soldato durante la seconda guerra mondiale e mai più ritornato.

Spostiamoci a Pontedera, dove il Teatro Era offre una stagione teatrale fittissima di eventi: si parte con Boxe attorno al quadrato, lo spettacolo della compagnia Civilleri- Lo Sicco che abbiamo recensito nello scorso numero, in scena dal 13 al 18 ottobre. Si passa poi a Memory Plays dal 23 al 25 ottobre, dove Dario Marconcini porta sul palcoscenico una trilogia pinteriana, ovvero Silenzio, Notte e Voci di famiglia. La settimana successiva, 31 ottobre e 1 novembre, troviamo invece il regista e coreografo Virgilio Sieni con il suo Angelus Novus, che prende spunto da un quadro di Paul Klee.

Dal 3 al 7 novembre invece è di scena, sempre al teatro Era, l’attesissimo Animali da Bar di Carrozzeria Orfeo, spettacolo che ha debuttato quest’estate ad Adria al Festival Castel dei Mondi.

Dal 6 all’8 novembre troviamo le repliche del Riccardo III di Michele Sinisi e dal 12 al 15 ottobre quelle di La prossima stagione, lo spettacolo da leggere di Michele Santeramo che abbiamo recensito nel numero di febbraio.

Sabina Guzzanti credits lucrezitestaianilliLa stagione teatrale della la Città del Teatro di Cascina ci presenta un ricco cartellone, suddiviso in OFF (fuori abbonamento) e ON (in abbonamento): il 22 ottobre è prevista l’anteprima nazionale di Sabina Guzzanti in Come ne venimmo fuori, con la regia di Giorgio Gallione. Con l’ironica incisività che la contraddistingue, sia in teatro che al cinema, la Guzzanti si concentra stavolta sul sistema economico neoliberista, posizionando il suo punto di vista in un ipotetico futuro post-crisi, felice e prospero.

Il 23 ottobre Serena Gatti e Raffaele Natale, ovvero Azul Teatro, presentano il loro Canto, mentre sabato 24 troviamo addirittura due spettacoli, uno alle 19 e uno alle 21: Rien ne va plus di Marina Romondia, ispirato ad un racconto di Alberto di Lupo e La parte migliore di me, spettacolo dell’Associazione culturale Orto degli Ananassi, che s’interroga sull’incrinarsi del vecchio concetto di famiglia e sul disagio che questo comporta.

Anche il 25 ottobre vanno in scena due spettacoli diversi, il primo alle 18 e 30 e il secondo alle 20,30: Nasce la tempesta da un respiro amaro, liberamente ispirato a Supplici di Eschilo, della compagnia Teatro Inbiliko e In ogni caso nessun rimorso, della compagnia Borgobonó, vincitrice del premio giovani realtà del teatro 2013.

A fine mese troviamo invece Alla luce, penultima fatica di Roberto Bacci con la drammaturgia di Michele Santeramo, recensito per voi nel numero di Novembre dello scorso anno.

Non dimentichiamoci inoltre della rassegna Teatri di Confine, che si articolerà in sei appuntamenti, dal 28 ottobre al 24 novembre, tra il Teatro S.Andrea di Pisa e il Teatro F. Di Bartolo di Buti. Si comincia il 28 ottobre, con War Now! della compagnia Il Teatro Sotterraneo, vincitrice nel 2009 del premio speciale Ubu per la “capacità di rinnovare la scena, mettendo alla prova la tenuta del linguaggio e facendo emergere gli aspetti più inquieti e imbarazzati del nostro stare nel mondo”.

Il 3 novembre al S.Andrea invece andrà in scena De REVOLUTIONIBUS/sulla miseria del genere umano, della coppia Carullo-Minasi, il 6 novembre al teatro di Buti troviamo WONDER WOMAN/Reading su donne, denaro e super poteri con Antonella Questa, Giuliana Musso e Marta Cuscunà, mentre l’11 novembre, ancora a Pisa, il regista Massimo Di Michele presenta il suo lavoro con Federica Rossellini sul testo di Aldo Trionfo e Lorenzo Salveti, FAUST MARLOWE BURLESQUE, scritto nel 1976 per Carmelo Bene e Franco Branciaroli.    

chiara

Chiara Lazzeri

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Gramigna il nuovo ristopub a Pisa

Dal pane fatto in casa alla birra artigianale Panini, affettati, hamburger e buoni formaggi accompagnati da fiumi di birra per...

Chiudi