Il Treno di Babbo Natale si ferma alla Leopolda

Perchè una rivista culturale dovrebbe dare la notizia dell’evento del Treno di Babbo Natale?

Effettivamente la domanda è più che legittima e ci siamo anche noi domandati se fosse opportuno, ma alla fine abbiamo ritenuto che lo fosse e in queste righe vi raccontiamo che cosa ci ha convinto.

thumb

Il Natale, nonostante le sue origini,  è per eccellenza il momento in cui esplodono tutti gli aspetti commerciali, smodati e consumistici della nostra società. I bambini in particolar modo sono, in questo mese, i bersagli preferiti dalla maggior parte delle categorie merceologiche, diventando quindi il target più prezioso e richiesto. Scegliere quindi di fare un operazione controcorrente e diversa è una scelta difficile e impegnativa. Questo è ciò che ha deciso di fare la Casa della Città della Leopolda insieme ad un pool di associazioni del territorio creando l’evento Il Treno di Babbo Natale.

Dal 05 al 08 dicembre alla Stazione Leopolda di Pisa con orario 10,00-20,00 si terrà la prima edizione del Treno di Babbo Natale un evento dedicato alle tradizioni natalizie. All’interno del salone storico della Casa della Leopolda un treno composto da dieci vagoni proporrà attività e laboratori per bambini e ragazzi. I diversi laboratori e le varie attività si basano su antichi mestieri artigiani: ceramica, cartapesta, cuoio, pigotte.  Durante i quattro giorni dell’evento i bambini/ragazzi potranno respirare un’atmosfera natalizia fatta di artigianato, di prodotti costruiti da loro stessi, di disegni, di teatro, di letture.

12243274_902843383131358_3165450507269801662_nOltre ai due vagoni dedicati agli antichi mestieri, infatti, ci sarà un vagone (il quarto) dove si alterneranno spettacoli teatrali, di magia e di mimo, un altro vagone (il settimo) dedicato alla lettura dove si avvicenderanno letture ad alta voce, trucca bimbi, giochi da tavolo. L’ottavo vagone, ad esempio,  è riservato ai laboratori creativi (disegno, fumetto, decorazioni ecc) ed il nono propone teatro delle marionette e teatro delle ombre.

Un programma ricco e stimolante, quindi, lontano dal marketing e dalla mercificazione di emozioni, ricordi e tradizioni. Sicuramente una grande sfida.

Come è nata l’idea di questo nuovo evento alla Casa della Leopolda ? – chiediamo a Martino Alderigi, coordinatore della Leopolda

Il Treno di Babbo Natale nasce dal desiderio di organizzare un evento dedicato ai più piccoli e alle famiglie con un alto livello di attenzione alla qualità delle attività proposte. Eravamo stanchi di ascoltare le osservazioni critiche all’evento ospitato fino al 2014 intitolato alla fabbrica del Natale: poche attività, troppa confusione, prezzo del biglietto eccessivo. Purtoppo dall’esterno non è facile distinguere tra eventi ospitati e attività promosse direttamente: salvo limitate eccezioni le critiche ricadono sulla struttura ospitante. Da quest’anno la Leopolda e le sue associazioni hanno scelto di assumere l’iniziativa sviluppando la metafora del Treno di Babbo Natale che arriva alla Stazione Leopolda carico di magia, giochi e divertimento. Le caratteristiche di base sono le medesime degli altri eventi promossi dalla Leopolda come Fior di Città e Dolcemente: apertura progettuale, pertinenza delle attività e dei prodotti esposti con il tema dell’evento, programma intenso, ingresso gratuito per i bambini. Come ultima considerazione potremmo aggiungere la scelta di alleggerire il rapporto tra il mantenimento degli equilibri di bilancio nella gestione della Leopolda e la presenza di eventi ospitati. Nel corso degli anni molte iniziative sono state annullate, altre sono cresciute trasferendosi in sedi più ampie. Risulta dunque preferibile incrementare le attività realizzate direttamente il cui svolgimento non sia legato alla volontà altrui.Babbo-Natale

E cosa vi aspettate?

Vorremmo che i bambini e le famiglie che visiteranno la Leopolda portino con sè un ricordo positivo dell’esperienza vissuta. Ognuno di noi coltiva il ricordo delle feste di Natale trascorse da piccoli: ecco, il nostro obiettivo è far sì che Il Treno di Babbo Natale rappresenti un pensiero di gioia e serenità nella memoria futura dei bambini che verranno alla Leopolda.

Naturalmente un vero Babbo Natale accoglierà i bambini e in mezzo ad un’atmosfera fiabesca e tantissimi folletti ci sarà anche un vagone riservato alla scrittura delle letterine. Un vagone speciale è riservato ai disegni relativi al Natale realizzati dai bambini delle scuole elementari. Sono previsti anche due spazi/gioco per bambini di diverse età ed uno spazio ristoro. Per la realizzazione di questo evento è stato essenziale il contributo delle associazioni: Accademia del Giuoco, Associazione Culturale Sarda Grazia Deledda, Il Gabbiano, Lu.Pi. Lucani a Pisa, Salakabula, Botteghe della Cartapesta, Circolo LAV – Letture ad Alta Voce, Compagnia Teatrale L’Anello, UNICEF – Comitato di Pisa. il progetto grafico dell’evento è  stato realizzato dagli studenti del Liceo Artistico Franco Russoli di Pisa e Cascina.

thumb

Aspettiamo, quindi, di visitare lo storico salone della Leopolda trasformato con luci e addobbi in una irreale magica e fiabesca atmosfera, e naturalmente di salire a bordo anche noi del Treno di Babbo Natale.

Maf

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
INTORNO ALLA RASSEGNA

INTORNO ALLA RASSEGNA   Danza e Dintorni Presentazioni-aperitivo coordinati da Silvia Poletti, giornalista e critico di danza, nella Foyer del...

Chiudi