Il Teatrino del Sole – Winter. Il teatro di figura e le scuole

Al via la seconda parte del progetto Il teatrino del Sole

PISA –  Con Azzurra Balena, che andrà in scena Domenica 12 novembre alle ore 16,00 presso il Teatro Lux di Pisa, prendono il via gli spettacoli inseriti nel progetto “Il teatrino del Sole”. 

Il teatrino del Sole, giunto alla sua VIII edizione è un progetto di Habanera Teatro di Patrizia Ascione e Stefano Cavallini, realtà di spicco nel teatro di figura, con esperienza ultra decennale, conosciuta e apprezzata sia in Italia che all’estero.

 Il progetto, sostenuto  dal Comune di Pisa, della Fondazione Pisa e della sezione soci coop di Pisa, prevede diversi momenti e tutti coinvolgono ragazzi, bambini e adulti. Inizialmente Patrizia Ascione e Stefano Cavallini realizzano all’interno delle scuole della città che hanno aderito al progetto, laboratori creativi in cui i ragazzi imparano a costruire marionette e pupazzi. Ilaboratori molto interattivi e partecipati sono un momento importante e imprescindibile del progetto, perchè è in questa fase che i bambini toccano con mano il lavoro artigiano che sta dietro allo spettacolo e anche tutto ciò che c’è dietro le quinte del teatro. E’ qui che conoscono il teatro come lavoro, attività e momento di creazione. Durante i laboratori i bambini e le insegnanti fanno domande, pensano e creano. La creazione di un burattino, che altro non è che un alter ego del bambino stesso, spesso permette al bambino di esprimere parti di se, sentimenti, paure e sensazioni altrimenti difficilmente esprimibili. «Capire cosa i nostri bambini pensano e sognano, su cosa fantasticano, ci permette di entrare in profondo contatto con le loro emozioni e il loro percorso di crescita» ci dice Patrizia Ascione. 

Dopo questa fase i ragazzi vedranno la magia del teatro e dello spettacolo direttamente in teatro. Il progetto prevede infatti la visione di diversi spettacoli. Quattro mattineè, al Cinema Teatro Nuovo, riservati alle scuole, dove i ragazzi parteciperanno con la classe e gli insegnanti e due domenicali, pomeridiani, al Teatro Lux dove i bambini potranno partecipare con le proprie famiglie.

Patrizia Ascione al lavoro per la realizzazione di una marionetta. Su gentile concessione di Stefano Cavallini – Habanera Teatro

Azzurra Balena è il primo degli spettacoli domenicali aperto a tutti. E’ una fiaba in cui la protagonista, AzzurraBalena, appunto, è una grande balena di cartapesta costruita con i fogli dei libri, e desidera così tanto il mare e così tanto diventare una balena in carne e…fanoni, che alla fine ci riuscirà, con l’aiuto di vari personaggi e una foca. Azzurra Balena è uno spettacolo di Habanera Teatro, scritto da Leila Corsi. Domenica 26, sempre alle 16, e sempre al lux andrà in scena “Pi.Pi.Pinocchio” della compagnia Tieffu di Perugia. Una rivisitazione della famosa novella di Collodi, con un grandissimo Pinocchio. Ingresso unico 6 euro.

Gli appuntamenti per le scuole al CInema Teatro Nuovo, in Piazza della Stazione, tutti alle 10,30 saranno: il 14 novembre, due repliche di Azzurra Balena, il 21 novembre Don Chisciotte e la luna. Un classico della letteratura trasposto per marionette a bacchetta, burattinie pupazzi su nero, con inserti narrati in spagnolo e liberamente ispirato all’opera di Miguel de Cervantes. Per finire il 5 dicembre “Le 12 notti della Befana“. 12 , infatti, sono le notti dal 25 dicembre al 5 gennaio, in cui la Befana intraprende un lungo viaggio, e aiutata dai bambini poveri del mondo, cercherà di riconquistare un posto nella fantasia di tutti i bambini. Tutti gli spettacoli sono a cura di Habanera Teatro. Ingresso 5 euro.

Quest’anno il progetto si avvale anche di un laboratorio riservato ai docenti. “Narrare con le figure” un laboratorio pensato per costruire, scrivere e mettere in scena uno spettacolo per la propria classe. L’obiettivo principale è quello di usare la “figura” come mezzo per facilitare l’espressione dei sentimenti e delle idee nello sviluppo della fantasia e della creatività, che può essere di aiuto dove vi è una difficoltà nella comunicazione.

Apprezzamento per tutto il progetto è stato espresso anche da Andrea Ferrante, Assessore alla Cultura del Comune di Pisa, che ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra scuole e teatro e la valorizzazione del sistema dei teatri cittadini.

 

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Giuseppe Verdi, il “Trovatore” e il crollo della tradizione

È impossibile parlare di un’opera come Il Trovatore senza accennare, seppur brevemente, al particolare contesto che l’ha generata: si tratta...

Chiudi