Il ritorno del Trionfo della Morte di Buffalmacco

Con gli occhi immersi in un rutilìo di forme e colori, non si riesce a catturare subito l’insieme del Trionfo della Morte di Buffalmacco: è troppa la bellezza di questo imponente affresco e anche il timore che ne emana. Vengono i brividi a osservare questa grande rappresentazione della morte che su tutto trionfa, sulla bellezza e sulla sofferenza, sulla povertà e sulla ricchezza, unica vera e sola padrona del mondo.

La morte

 

Il Trionfo della Morte è stato un soggetto iconografico molto diffuso nel XIII e nel XIV secolo. In quei secoli nacque il senso del macabro che avrebbe accompagnato molte delle raffigurazioni medioevali e tardomedievali: trionfi e danze macabre formarono una sorta di iconografia della morte. Il grande affresco di Bonamico Buffalmacco, di ben quindici metri di lunghezza per otto di altezza, ora finemente restaurato e riportato a nuova vita dal team dell’Opera Primaziale Pisana, è uno dei più grandi che si conoscano, e uno dei più notevoli e inquietanti.

L’affresco nel laboratorio di restauro

 

Come non rabbrividire anche noi, come i bei cavalieri che, durante una caccia con dame, falconieri e cani al seguito, si imbattono in tre bare scoperchiate che contengono tre cadaveri, ciascuno (e questo è il particolare più raccapricciante) in un diverso stadio di decomposizione. I giovani li osservano spaesati turandosi il naso, certo non si aspettavano quest’incontro da una battuta di caccia cortese. Persino i cavalli dalle belle criniere inanellate ne sono turbati, scartano: uno nitrisce con il collo allungato e gli occhi spalancati dallo spavento, un altro si volta verso di noi, sembra quasi non voler vedere. Solo una dama dal velo bianco e dal cappello a cono ci guarda severa e sembra ammonirci: questo è il destino di tutti, la sola certezza.

Le tre bare

 

Intanto l’occhio viene attratto sul lato opposto del grande racconto di Buffalmacco, dove un’ampia figura sinistra dai capelli bianchi vola al centro dell’affresco. L’orrore non è finito: la morte con la sua falce si sta avvicinando a un boschetto di aranci dove si trovano dame e cavalieri dagli stupendi abiti decorati, che, sapientemente riportati a luce dal restauro, denotano la grande maestria pittorica di Buffalmacco. I giovani suonano e amoreggiano, ignari che anche per loro sta arrivando la fine: è tale la dolcezza di sguardi e gesti, la bellezza del tappeto vegetale su cui le vesti si adagiano e che i morbidi calzari sembrano carezzare, che sembra impossibile che la morte stia per sopraggiungere.

Le dame e i suonatori

 

Questo immenso mememto mori, che sembrava quasi perso dopo il grande incendio del Camposanto Monumentale avvenuto nel 1944, è ora meravigliosamente visibile in ogni suo particolare, grazie all’impegno dei restauratori della Opera Primaziale Pisana, guidati da Carlo Giantomassi e Gianluigi Colalucci sotto la direzione di Antonio Paolucci.

L’affresco di Buffalmacco dopo l’incendio del 1944

 

Con l’impiego di nuove tecniche scientifiche è stata riportata a nuova vita la luminosità caratteristica della pittura a calce, e confrontando la visione attuale con le immagini prese prima del restauro capirete l’incredibile lavoro fatto. Si sono perse solo le lamine di stagno argentato, le prime a sciogliersi al calore dell’incendio, che ricoprivano i morsi dei cavalli, le corone, le spade e illuminavano le vesti.

Le animule

 

Il prossimo 17 giugno, festa del patrono della città, l’affresco sarà riposizionato sulle pareti del Camposanto Monumentale, opportunamente preparate per accoglierlo, e tutti potranno ammirarlo nella sua rinata bellezza, insieme agli altri affreschi già restaurati e riposizionati, stupiti di fronte a quella che Antonio Paolucci definisce “la Cappella Sistina dei Pisani”.

Claudia Menichini

Claudia Menichini

Sono l'old lady della rivista, ma ho le stesse curiosità dei vent'anni. Amo l'arte e la vita degli artisti, gli archivi e le vecchie carte, i libri antichi e nuovi, la cucina e le storie che girano intorno al cibo, e la pittura botanica che pratico con risultati alterni!
Claudia Menichini
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Il Re della Street Art avrà amato lo Street Food?

Chissà che cosa mangiava il re della street art Keith Haring? Immaginandolo per strada, mentre riempiva di inconfondibili graffiti i muri...

Chiudi