Il Bello del Classico: La Storia Infinita

Ci sono classici della grande letteratura fantasy che hanno generato emuli e libri-tributo, imitazioni più o meno di successo, o semplicemente aperto la strada a nuove tendenze. Non sembra questo, a una prima analisi, il caso della Storia Infinita di Michael Ende.

Il libro, uscito nel 1979 a Stoccarda, è ormai considerato un classico della letteratura; ma resta difficile da collocare e, sebbene la sua influenza sugli autori del secolo sia stata notevole, risulta difficile rintracciare i modi e i segni di questo contributo, perché la sua originalità, la sua complessa struttura simbolica e il mondo su cui poggia la trama sono così unici da staccarsi come una gemma nell’universo del fantastico letterario.

04815Persino il genere del libro presenta non poche ambiguità. Si è detto fantasy, e in effetti ne possiede tutti i requisiti. Ma sono molte le consonanze col fiabesco, il magico, il romanzo di formazione o di avventura, e addirittura con l’horror. Forse fantastico è il termine che più si avvicina a una definizione pertinente. Aldilà dei tentativi di incasellarlo, comunque, La Storia Infinita è soprattutto – lo ribadiamo – un libro di eccezionale originalità.

La storia è quella di Bastiano, ragazzino insicuro, asociale, chiuso in se stesso a causa del difficile rapporto col padre, della mancanza di amicizie e della perdita della madre, morta nel darlo alla luce. Un giorno Bastiano, perseguitato da una banda di teppistelli, trova rifugio nel negozio del misterioso signor Coriandoli: un libraio. Qua entra in possesso di un libro destinato a cambiare non solo la sua vita, intesa come routine, passivo verificarsi degli eventi; ma addirittura la sua intera personalità.

Bastiano porta via il libro – intitolato appunto La Storia Infinita – e comincia a leggerlo, chiuso nella soffitta di scuola. Una lettura lunghissima e avvincente, che noi, lettori a nostra volta, seguiamo attraverso la tripla lente degli occhi di Bastiano, di Michael Ende e dei nostri. Il libro parla di Fantàsia, un mondo parallelo minacciato da un oscuro male chiamato Il Nulla. Questa potenza malvagia sta distruggendo le bellezze del regno di Fantàsia ed è causa di malattia per l’imperatrice bambina che lo amministra.

Atreiu, un giovanissimo cacciatore di bufali, vieni incaricato di mettersi sulle tracce di questo male e di porvi rimedio. Proprio come certi personaggi biblici od omerici, Atreiu deve abbandonarsi alla provvidenza, privo di ogni indicazione, viaggiare e sperare di ottenere indicazioni strada facendo. Così impariamo a conoscere Fantàsia e le sue meraviglie, episodio dopo episodio, fin quasi a fonderci con il personaggio di Bastiano, quando, a un tratto, capiamo che è proprio egli l’obiettivo finale dell’inconsapevole Atreiu.

Bastiano, grazie alla sua fantasia, è l’unico in grado di ridare nuova vita al regno di Fantàsia. A lui spetterà anche il compito di attribuire un nuovo nuove all’infanta imperatrice. Ma la strada non è semplice; tutt’altro: Bastiano rischia di smarrirsi nell’universo generato da suoi stessi desideri e per tornare indietro dovrà mettersi a scavare, cercando un frammento di ricordo che lo rimetta in contatto quanto ha di più caro: suo padre.

Italiana-La-Storia-Infinita-Italian-Libro-Rilegato-in-Pelle-The-Neverending-Story-Leatherbound-Book-7-1280Scenari apocalittici, prove di forza, tranelli, mostri terribili e incantesimi, attimi di disperazione, l’invulnerabile forza dell’amore e della creazione e la potenza dell’amicizia animano un libro che ha per oggetto sé medesimo.

Questa è forse la storia delle storie, che si dice infinita perché si avvita su se stessa, come nel disegno di due serpenti che si mordono la coda. La Storia Infinita è un racconto di racconti, un criptico incasellarsi di allegorie dove trova spazio non solo il grande mistero che lega lettore e libro, scrittura e personaggi, fantasia e realtà; ma addirittura temi politici.

hqdefaultIndimenticabile e magistrale il momento in cui un lupo mannaro spiega ad Atreiu l’origine del nulla, del quale è servitore: esso è generato dalla menzogna, spiega il lupo.

Non la menzogna luminosa e generativa dell’opera artistica, del sogno ad occhi aperti; bensì il contrario: la volgare bugia opportunista di chi ha rinunciato a meravigliarsi di fronte allo spettacolo dell’esistenza, il più fantastico fra gli spettacoli, e il più magico fra i racconti: la realtà degli esseri umani.

Come a suggerire che l’infinito, quell’insondabile mistero che ci avvolge ogni istante, come un bozzolo d’inesauribili storie, non è forse poi così separato dal mondo dei sogni e della fantasia umana. Ende sembra piuttosto suggerirci che i due sono interconnessi, e che fra loro corre una sottile membrana permeabile: se uno si corrompe, anche l’altro finirà, inevitabilmente, per soccombere.

Filippo

Filippo Bernardeschi

Tuttomondo
Latest posts by Tuttomondo (see all)
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
“Intervista con la Storia” di Oriana Fallaci

“È lecito pensare che la nostra esistenza sia decisa da pochi? Dai buoni o dai cattivi sogni di pochi, dall’iniziativa...

Chiudi