Cinema in pillole: La Grande Bellezza

la-grande-bellezza-616x280

 

 

LA GRANDE BELLEZZA di Paolo Sorrentino

L’assoluto protagonista del film è Jep Gambardella interpretato da Toni Servillo.
Jep si è trasferito a Roma da giovane per occupare il centro della mondanità. Questo lo porta a trascurare il suo talento di scrittore. A 65 anni organizza una festa per il suo compleanno che è la metafora della sua stessa vita. Jep trascorre il tempo senza far nulla, è un flaneur che bighellona per Roma.
La pellicola ha fatto molto parlare di sé, tra elogi esteri e critiche italiane. L’aver saputo suscitare un dibattito nazionale è comunque un primo merito. Una delle accuse è quella della non esistenza di un plot. Questa è una critica infondata, dal momento che la storia del cinema è costellata di capolavori senza trama. Un nome per tutti: Persona di Bergman.

Nei film di Sorrentino la narrazione si costituisce attorno al viaggio di un protagonista stanco e debole, alla ricerca di un senso. Lo abbiamo visto in This Must Be the Place, lo vediamo ancora nella Grande Bellezza.

Tratto tipico dei lavori del regista è la violenza di un’immedesimazione sgradevole (io, spettatore, non voglio guardare il mondo dagli occhi del personaggio) che rende ogni protagonista sorrentiniano miserabile,  ma, via via, meno repellente e più umano. Di sicuro il film è sofisticato e non parla dell’Italia. Ha un respiro universale.

1386861272-servillo

Dov’è la bellezza di cui si parla?  Il titolo si sottrae a un’interpretazione univoca. Vi invitiamo a darci le vostre.

Giancarlo Fina

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Dentro l’opera: Il classico

Il Classico Ogni mese troverete questa Rubrica, nella quale viene viene scelta un'opera, che è per vari motivi ritenuta un...

Chiudi