Giorno della Memoria. Le iniziativiniziativee del 27 gennaio a Pisa

Ricordare in modo attivo, ricordare e tramandare coinvolgendo la città tutta. Anche quest’anno Pisa non dimentica dedica al Giorno della Memoria un nutrito programma di eventi elaborato dal Comune di Pisa; dalla  Prefettura di Pisa e dalla  Scuola Normale Superiore ed arricchito dalla partecipazione di Acquario della Memoria; ANED; ANPI; ANPPIA; Associazione 24 marzo; centro interdipartimentale di studi ebraici; Cineclub Arsenale; Comunità ebraica di Pisa, Fondazione Teatro Verdi; Istituti comprensivi di Pisa;  Palazzo dei Congressi; programma cultura educazione; Questura di Pisa; Scuole Secondarie superiori; società Filarmonica Pisana e Toscana Aeroporti  che hanno collaborato con proprie iniziative alla stesura del programma.

  
«L’apertura dei cancelli di Auschwitz il 27 Gennaio del 1945 ha segnato la dolorosa scoperta di quanto l’umanità possa essere disumana: nei campi di sterminio ha preso forma il peggiore incubo di una persona, quella di diventare solo un numero e poi nemmeno più quello, dispersa in cenere al vento attraverso un camino con i suoi sogni, la sua cultura di appartenenza, le sue preferenze in amore, le sue idee politiche, anzi a causa della sua diversità, che sia per appartenenza ad un popolo, per orientamento sessuale o politico. – ha sottolineato l’assessora Marilù Chiofalo – Di questo orrore non c’è sufficiente consapevolezza, basta pensare  all’ultima donna non uccisa ma fatta a pezzi con 23 coltellate, alle campagne di odio condite di immagini volgari contro le persone omosessuali o straniere, o semplicemente contro chi ha un’idea politica diversa, alle donne che in politica si comportano come uomini, ma non come quei tanti uomini perbene, ma come gli uomini che odiano le donne. Quest’anno ne parliamo coinvolgendo  persone di cui più di 1000 studenti in un programma di oltre 20 iniziative organizzate da altrettante istituzioni e associazioni, due tra queste sono l’incontro di 1000 studenti con le nostre tre donne militanti della memoria, Andra e Tatiana Bucci sopravvissute ad Auschwitz e Vera Vigevani Jarach per la prima volta insieme, e BENT uno spettacolo di prosa nella stagione del Verdi e nel programma Culturèducazione, che racconta con ironia e dolcezza la storia di una coppia omosessuale in un campo di sterminio. Vi aspettiamo».
Due settimane di appuntamenti, come ricordava l’assessora, con incontri, spettacoli, dibattiti e cerimonie ufficiali in un intreccio di ricordi e attualità. Cifre caratterizzanti del programma la multicanalità dell’offerta che vuole coinvolgere tutti i cittadini e parlare in linguaggi diversi ma anche la partecipazione sempre più fattiva degli studenti. Proprio agli studenti è rivolto uno dei primi appuntamenti con la matinée al Teatro Verdi prevista per il 26 gennaio alle ore 10.00. In scena lo spettacolo “Bent” di Martin Sherman per la regia Lorenzo Tarocchi. Un dramma particolarmente intenso che esplora una zona d’ombra delle persecuzioni razziali ovvero quella legata ai “triangoli rosa” e all’omosessualità. A seguire una conversazione con il regista, gli attori e Micaela Frulli, professoressa associata di diritto internazionale dell’Università di Firenze. Si tratta di un progetto speciale curato dalla Fondazione Teatro di Pisa in collaborazione con il Programma Culturèducazione dell’Assessorato alle Politiche educative del Comune di Pisa.

 

Cerimonie e non solo il 27 gennaio:

– Ore 9 presso l’Aula Magna Liceo Statale “G. Carducci” incontro con gli studenti delle 5° classi promosso dal Comitato Prov.le di Pisa Anpi e proiezione del del film “La tregua” di F. Rosi

– Ore 10 presso la Questura di Pisa il questore Alberto Francini, deporrà una corona d’alloro alla targa commemorativa di Angelo De Fiore, Giusto tra le Nazioni e già Questore di Pisa

– Ore 10.30   (presso la Gipsoteca di Arte Antica, Piazza San Paolo all’Orto) Celebrazione Giorno della Memoria 2017. Intervengono: Marco Filippeschi, Sindaco di Pisa- Attilio Visconti, Prefetto di Pisa – Ranieri Del Torto, Presidente del Consiglio Comunale di Pisa- Bruno Possenti, Presidente Anpi Pisa- Maurizio Gabbrielli, Presidente Comunità Ebraica di Pisa Coordina: Marilù Chiofalo, Assessora alla Memoria del Comune di Pisa. La cerimonia vedrà protagonisti gli studenti della classe 4ASA del Liceo F. Buonarroti che presenteranno la storia della famiglia Roccas / Della Seta . la famiglia venne arrestata a Chianni e deportata al Campo di Auschwitz dal quale non fece ritorno. A corredo dello studio fatto sulla vicenda i ragazzi presenteranno un video “Il viaggio di Renzo”, realizzato  in collaborazione con il CNR WEBTV di Pisa . Al termine il Prefetto di Pisa Attilio Visconti, consegna la Medaglia d’Onore alla Memoria a Azeglio Marianelli, deportato dal 1943 al 1945

– Ore 12 (Piazza San Paolo all’Orto) Scoprimento delle Pietre d’Inciampo in memoria di Valentina Della Seta, Elda Di Nola, Mario Roccas e Renzo Roccas, deportati ad Auschwitz nel 1944 e mai più ritornati.

Tra gennaio e febbraio si svolgeranno presentazioni di film dedicate alle scuole e conferenze su temi quali il negazionismo e l’impatto dei viaggi nei luoghi della shoah. Inoltre dal 23 al 31 gennaio chi attraverserà l’Atrio di Palazzo Gambacorti, Comune di Pisa, potrà vedere la  Mostra “Una Memoria che ci Sovrasta” curata dalla sezione di Pisa dell’ A.N.E.D.

Qui è possibile scaricare il programma completo.

Fonte: comunicato stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Un crowdfunding per riaprire la Torre dell’Orologio di Vicopisano

Prosegue ed entra nel vivo la campagna, promossa dall'amministrazione comunale di Vicopisano, per riaprire la Torre dell'Orologio, sentinella del tempo...

Chiudi