Danze sacre al Teatro di Cascina

SEMINARIO DANZE SACRE E TEATRO

Movimenti di Gurdjieff e linguaggio teatrale per l’armonizzazione di emozioni, mente e corpo

zan zan

Il corpo come depositario di un’intelligenza superiore, in grado di sperimentare stati del Sé molteplici e spesso inconsapevoli. Il seminario porterà a conoscenza gli automatismi, i personaggi che ci abitano, le maschere che indossiamo, e fornirà allo stesso tempo un’inedita esperienza corporea, per originare cambiamenti profondi, esprimere parti ignorate, esplorare nuove manifestazioni nella vita quotidiana.

Condotto da Stefano Filippi e Shurta

Città del Teatro Cascina (Pi)

 in via Tosco Romagnola 656

 

3-4 ottobre

 

orario: 15,00 – 20,00 il sabato

 

10,00 – 18,30 la domenica (con pausa pranzo)

LE DANZE SACRE DI GURDJIEFF

È un’illusione pensare che i nostri movimenti siano volontari: in realtà essi sono automatici, così come i nostri pensieri e i nostri sentimenti.
I Movimenti e le Danze Sacre di Gurdjieff aiutano ad acquisire maggior consapevolezza della mente, del corpo e delle emozioni, liberandoci da quegli automatismi inconsapevoli che ci intralciano nel nostro vissuto quotidiano. Assumere posizioni nuove e non abituali permette così di osservarci in modo diverso e portare alla luce qualità inattese, forse mai esperite; ogni movimento ci mette in contatto con esperienze diverse quali la volontà, il silenzio, la bellezza, la connessione tra il femminile e il sacro.
Le nuove posture producono un cambiamento nel corpo, dalla circolazione del sangue al ritmo respiratorio, portando uno stato di lucidità e di presenza cosciente: l’emozione diventa più fiduciosa, il pensiero più chiaro, il corpo più leggero. Al termine dell’esperienza, il corpo ne conserva traccia: è stato battezzato, iniziato.

IL LINGUAGGIO TEATRALE

Il teatro come studio e confronto con gli strumenti basilari dell’arte attoriale: l’espressività corporea, la cinetica del movimento, la coscienza del gesto, la presenza scenica, la relazione con l’altro e con lo spazio, l’uso modulare della voce, del canto, nella ricerca di una polifonia armonica e consapevole.
Ma soprattutto il teatro e la scena come strumenti di crescita personale e di evoluzione del Sé: il superamento di blocchi emotivi, l’affrontare paure e zone irrisolte, lo scioglimento di timidezze e difficoltà relazionali, l’apertura ai propri talenti, al rapporto con gli altri, l’incontro con i propri desideri. Un percorso di crescita e di conoscenza di sé, per riscoprire la presenza nell’“adesso”.
Un meraviglioso strumento per diventare consapevoli della relazione che esiste tra la condizione del corpo e la ricerca interiore, mettendo in atto un autentico potere di trasformazione.

IL PERCORSO

Il primo di quattro incontri a cadenza trimestrale finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo-performance a porte aperte, nell’estate 2016 in luogo da definire. La partecipazione a tutti gli incontri non è obbligatoria: è possibile partecipare anche a uno solo o ad alcuni seminari.
L’obiettivo è portare il lavoro di ricerca e sperimentazione nel territorio, creando un’interazione precisa con gli elementi naturali e le persone che lo abitano. Una maniera per poter trasferire nella vita quotidiana fluidità, presenza, respiro, aprendosi a nuove modalità di stare nel mondo.

SHURTA

Counselour certificata con una formazione in danza moderna, terapia del respiro, Gestalt e Astrologia. Nel ’91 a Pune in India nella comune di Osho, dove ha vissuto per sette anni, avviene l’incontro con le Danze Sacre che segnano una svolta nel suo percorso evolutivo. Ha poi approfondito e fatto esperienza del Lavoro alla Clymont Society (USA), la scuola fondata da J. Bennett, discepolo diretto di Gurdjieff. A New York ha ricevuto importanti indicazioni sul Lavoro dalla figlia di

Gurdjieff, Duska Howard. A Parigi ha incontrato Solange Claustres, allieva diretta di Gurdjieff e insegnante dei Movimenti, psicoanalista e terapista che è stata vicina al Maestro fino alla sua morte. Conduce da 25 anni corsi di Movimenti e Danze Sacre in Italia e si dedica al loro studio e alla loro pratica. Negli ultimi anni ha inoltre condotto seminari e ritiri intensivi insieme a Ben Bennett. Oltre all’insegnamento si occupa della formazione di insegnanti di Danze Sacre e dei Movimenti. Collabora stabilmente con un gruppo di musicisti e recentemente con un regista teatrale con i quali cura delle rappresentazioni pubbliche.

 

STEFANO FILIPPI

Attore e regista di teatro, dirige attualmente la Compagnia Frequenze Alfa Teatro e collabora con Teatri, Enti, Fondazioni, Istituzioni, nazionali e internazionali. Laureato in Lettere e Filosofia all’Università degli Studi di Pisa, si forma inizialmente alla Scuola di Mimo e Clown e successivamente studia e collabora con importanti registi teatrali e danzatori europei. Si occupa anche di produzioni video per cui ha ricevuto diversi premi in concorsi nazionali. È protagonista del Film “Non c’è più niente da fare”.

Oltre che di produzioni teatrali si occupa di eventi site-specific e lavora nell’ambito del Teatro Sociale (Centri Psichiatrici, Carceri). Come formatore insegna alla Città del Teatro di Cascina e in diversi Teatri e Centri Culturali italiani, integrando la preparazione artistica con gli insegnamenti di Maestri dell’evoluzione armonica del sè e dell’espansione animica: segue i Seminari ed il lavoro di Alejandro Jodorowsky e Antonio Bertoli su psicomagia, psicogenealogia e Tarocchi; di Antonino Majorana ed Emanuele Mocarelli su radioestesia, Kabala e Tarocchi; di Igor Sibaldi su Angelologia e nuova Teologia; di Alexander Berlonghi sul Rebirthing; di Max Digambara sulla tradizione Advaita; di Shurta sulle Danze Sacre di Gurdjieff; di Nader Butto sulla medicina olistica; di Marco Baston sui percorsi sciamanici della tradizione Tolteca.

 

Per informazioni e iscrizioni :

Stefano Filippi cell. 392 97 83 619

Shurta cell. 347 08 30 931

Costo: 90 €

 

Comunicato Stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Thaumàzein, lo stupore in mostra al Castello Malaspina

Fino al 20 settembre la mostra Thaumàzein a Massa È proprio del filosofo questo che tu provi, di esser pieno...

Chiudi