Un “D’Annunzio segreto” (e inedito) alla Città del Teatro di Cascina

Drammaturgia Angelo Crespi

Con Giorgia Sinicorni, Evita Ciri, Chiara Lutri, Paola Radaelli

e la partecipazione di Viola Pornaro nel ruolo di Eleonora Duse

Regia Francesco Sala

Scene e costumi Marta Crisolini Malatesta

Disegno luci Pietro Sperduti

Un D’Annunzio segreto e inedito arriva sul palcoscenico de La Città del Teatro e della Cultura. Edoardo Sylos Labini porta in scena il suo nuovo spettacolo a Cascina giovedì 16 febbraio, alle ore 21:00.

Gli ultimi anni della vita del poeta, il contrasto tra giorno e notte, euforia e malinconia, commedia e dramma: siamo nelle stanze del Vittoriale.

Gabriele di giorno è ancora vivo, ironico, sprezzante, gioca in modo perverso con le sue amanti – la pianista Luisa Baccara e la sua governante Amelie Mazoyer – le intrattiene, le manipola, le aizza l’una contro l’altra, progetta nuove imprese, litiga con Mussolini, pretende di essere coccolato, osannato, idealizzato.

Di notte, al contrario, d’Annunzio, seduto al suo scrittoio, intesse un lungo e poetico dialogo, con l’unica donna che lo ha amato e che lui ha amato ma che ora non c’è più : il mito Eleonora Duse.

Rivive le straordinarie prove teatrali della Città Morta, lo scandalo pubblico del romanzo “Il Fuoco” e una travolgente versione della Pioggia nel Pineto. Tra amore e grande letteratura, gelosie e tradimenti arriva a teatro Il Vate degli Italiani come non l’avete visto mai.

Prevendite biglietti a La Città del Teatro e della Cultura: info biglietteria@lacittadelteatro.it, cell 345 8212494 – Prevendite esterne biglietti: esercizi commerciali collegati con il circuito boxoffice. Online: www.boxol.it-Telefono: 055.210804 dal lunedì al giovedì dalle 10:00 alle 19:00.

Fonte: comunicato stampa

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Angiolo Chini e il “suo” molino: una storia che non va dimenticata

Quando Angiolo Chini varca la soglia del «suo» molino gli si illuminano gli occhi. E inizia a raccontare di come...

Chiudi