Ecco i fondi per il Camminamento del Brunelleschi a Vicopisano

VICOPISANO (PI) – Un sogno che si prepara a diventare realtà. Servirà ancora un po’ di pazienza (almeno un anno), poi il Camminamento del Brunelleschi a Vicopisano tonerà a risplendere.

Il via libera è arrivato ieri, quando è stata confermata da parte del Ministero dei Beni e delle Attività culturali la seconda tranche di 120 mila euro dedicati all’ambizioso progetto di recupero. 
Il primo blocco, della medesima quantità, era stato confermato dal Consiglio regionale della Toscana nell’àmbito del bando sulle città murate, con la partecipazione della Fondazione Pisa, grazie all’impegno del presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, del consigliere Antonio Mazzeo e dell’amministrazione comunale vicarese, tra cui il sindaco Juri Taglioli, il vicesindaco Matteo Ferrucci e l’assessore ai Lavori pubblici, Andrea Taccola.

La torre del Soccorso e il Camminamento del Brunelleschi. In fondo a sinistra, la Rocca di Vicopisano.

 

Dalla torre del Soccorso sarà così possibile raggiungere la sommità della Rocca, simbolo di Vicopisano, ovvero il «gioiello dei pisani».
Ieri mattina, per comunicare la bella notizia, è stata organizzata una conferenza stampa “in cammino” – ovviamente – attraverso la scalinata che dalla torre del Soccorso porta all’ingresso principale della Rocca. Di lì, i giornalisti e gli amministratori locali sono stati accompagnati al futuro punto di arrivo del Camminamento, da cui si può ammirare un panorama splendido e la parte alta della torre del Soccorso. A parte tutti i lavori di messa in sicurezza e di restauro, l’unica cosa che manca è un pezzo del muro che forma il Camminamento, i due o tre metri che lo collegano al punto di arrivo lato Rocca.

«Il percorso è iniziato con la visita del presidente Giani nel gennaio 2016 – spiega il vicesindaco Ferrucci –. Restò molto colpito dalla bellezza del borgo e dalla visita alla Rocca. In quel periodo stava percorrendo tutta la Toscana, fermandosi nei piccoli borghi, setacciandone palmo a palmo la bellezza e la storia. Un lavoro immane, di forte sensibilità ai dettagli, che ha prodotto la legge sulle città murate, riconoscimento dell’essenza del valore culturale del Granducato. Per questa sua attenzione capillare non possiamo che ringraziarlo, insieme al suo ufficio di Presidenza e in particolare al consigliere Antonio Mazzeo, che ha sempre creduto nelle potenzialità del nostro borgo e ha lavorato anche per arrivare alla creazione dell’associazione Brunelleschi».

Da sinistra: Antonio Mazzeo, Matteo Ferrucci, Juri Taglioli, Andrea Taccola.

 

«In Toscana siamo talmente abituati alla bellezza che a volte rischiamo di dimenticarci dei tesori inestimabili che abbiamo sul territorio, ma necessitano di essere recuperati – sottolinea Mazzeo -. Quello del Camminamento di Vicopisano è uno di questi esempi e sono contento che, anche grazie al contributo del Consiglio regionale e a una collaborazione di tutti i livelli istituzionali, compreso il Ministero, siamo riusciti a finanziare il progetto di recupero. Quando la politica riesce a dare risposte concrete alle richieste dei territori vuol dire che ha fatto bene il suo lavoro. Credo che questo sia un esempio di buona politica, di buona amministrazione, di risultati ottenuti grazie al lavoro di squadra. Sapere che presto chi visiterà la nostra regione potrà godere di ulteriore bellezza è per noi un motivo di orgoglio».

Il Camminamento visto dalla base della Rocca, quindi in discesa. In basso c’è la torre del Soccorso.

 

«Mi unisco alle parole del vicesindaco Ferrucci e del consigliere regionale Mazzeo – dice il sindaco Taglioli – ringraziando, a nome della giunta e dell’amministrazione e, mi sento di farlo, della comunità tutta, il ministro Dario Franceschini che dopo una serie di incontri, scambi, telefonate e approfondimenti ha saputo cogliere il reale valore di questa opera e di ciò che simboleggia, un ponte tra passato e futuro, la possibilità di vivere un’esperienza meravigliosa e rara che proietterà i visitatori direttamente nel Medioevo. Siamo giunti grazie al ministro e a tante persone, tanti amministratori, che si sono impegnati anche prima di noi, a coronare il sogno più grande. Ora possiamo viverlo tutti insieme». 

Un’opportunità che potrà coniugare, insomma, sviluppo turistico ed economico. Facile immaginare come il Camminamento potrà far decollare una zona già mèta di turisti provenienti da tutto il mondo, in sinergia con le altre bellezze del Monte Pisano come, un giorno si spera molto vicino, anche la Rocca di Ripafratta.
 
«Il nostro compito adesso – conclude il vicesindaco Ferrucci – è cogliere al massimo questa opportunità. Il Camminamento attrarrà visitatori e dobbiamo farci trovare pronti. Come amministrazione dobbiamo essere capaci di continuare a stimolare nel modo giusto anche il tessuto commerciale, produttivo e ricettivo di Vicopisano in modo che i turisti che arriveranno trovino tutte le comodità e i vantaggi che può offrire un borgo autentico, ricco di bellezza in ogni suo angolo».

Francesco Bondielli

Francesco Bondielli

Nasce nel 1990, scrive per mangiare e beve per scrivere.
Ama le vecchie canzoni e le ragazze con le doppie punte, non sopporta i palloncini e il caffè a un euro e dieci.
Giornalista prestato alla scrittura e scrittore prestato al giornalismo, non sa dove andare. Ma comunque ci va.
Francesco Bondielli
Condividi l'articolo

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi articolo precedente:
Il pisano Davide Sereni vince il contest del Francesco Guccini fans club

C’è qualcosa di nuovo sotto il cielo dei cantautori italiani PAVANA (PT) - La musica italiana, dagli anni Settanta ad...

Chiudi