Ecco Animavì, Festival internazionale Cinema d’Animazione Poetico

PERGOLA (PU) – Manca poco all’apertura di Animavì, il I Festival Internazionale dedicato al Cinema di animazione artistico e di poesia, organizzato dall’associazione Ars Animae e diretto da Simone Massi, che si svolgerà a Pergola (PU) dal 14 al 17 luglio 2016.

Le opere in concorso sono sedici, provenienti da ogni parte del mondo, e per l’occasione saranno giudicate da una giuria di assoluta qualità e prestigio formata da: Aleksandr Petrov, Ascanio Celestini e Umberto Piersanti.

8349_1025594594198127_6732021137120009230_nIl direttore Artistico del Festival è Simone Massi, animatore resistente di fama internazionale, disegnatore ufficiale del Festival del Cinema di Venezia, nonché cuore pulsante del cinema di animazione poetica. TuttoMondo lo ha già intervistato due anni fa in occasione della vittoria a Venezia del documentario a lui dedicato, Animata Resistenza.

Animavì è il primo festival nato con l’intenzione di rappresentare a livello internazionale il “Cinema di an­imazione artistico e di poesia”. Intanto cosa si intende?

«Si intende quel genere di animazione indipendente e d’autore che si propone di raccontare per suggestione, rivolgendosi all’anima dello spettatore. Opere in cui ogni singolo fotogramma è concepito come una vera e propria opera d’arte».

Come e da dove nasce la necessità di uno spazio dedicato esclusivamente al Cinema di animazione artistico e di poesia?

13029458_1338776172805570_3922839375918856445_o«Da un vuoto clamoroso e ingiusto che era tempo di colmare. C’è uno sparuto gruppo di autori capaci di andare contro le regole di mercato e di affrontare sacrifici e privazioni pur di realizzare quello che hanno in mente e a cuore. E’ un cinema ostinato e resistente in cui ci riconosciamo e cui dedicheremo uno spazio autonomo. Ad Animavì non ci sarà spazio per altro genere di animazioni, non c’è nessun calcolo o tentativo di accattivarsi le simpatie degli sponsor e del pubblico: nessun compromesso».

Animavì si svolgerà a Pergola dal 14 al 17 luglio 2016. Come è strutturato il Festival?

«Pergola è un piccolo paese incastonato in un paesaggio che è fatto di appezzamenti sinuosi e multicolori. Il festival finirà col somigliare al luogo, con un nucleo centrale fatto di film di animazione che sarà lambito e completato da altre arti: immagini e suoni e storie e parole tenuti insieme dalla componente umana e poetica che li accomuna».

In qualità di Direttore Artistico qual’ è l’obiettivo primario della manifestazione?

«Seminare vento…».

Un fotogramma della sigla di Animavì, firmata dal Maestro Aleksandr Petrov

Un fotogramma della sigla di Animavì, firmata dal Maestro Aleksandr Petrov

La giuria del Festival ospita nomi importanti come Aleksandr Petrov, Ascanio Celestini e Umberto Piersanti e molto ospiti di rilievo (Erri de Luca, Valeria Golino, Alba Rohrwacher, Neri Marcorè, Paolo e Vittorio Taviani, Laura Morante, Marco Paolini, solo per citarne alcuni). Un festival all’insegna della qualità. Un valore aggiunto di Animavì?

«E’ esattamente questo, portare sulle nostre colline autori  di fama mondiale, metter a loro fianco gli ultimi testimoni della nostra cultura: contadini, minatori, partigiani».

Chi sono gli autori e cosa dobbiamo aspettarci dai film in concorso?

«Io non posso né voglio rispondere a tutto, ci sono cose che vanno scoperte venendo a Pergola, al festival».

Che cosa si augura per questa prima edizione di Animavì e cosa si immagina per il Festival nel futuro?

«Mi auguro che i forestieri – siano giurati, autori, critici o semplici appassionati – possano trovarsi bene e magari tornare a casa con qualche dubbio e domanda. Per il futuro non mi immagino niente, è già faticoso sforzarsi di capire il presente».

bianca

 

Biancamaria Majorana

 

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Il premio “Lo straniero” e il futuro roseo de I Sacchi di sabbia

Il riconoscimento a Castiglioncello e presto uno spettacolo al Verdi di Pisa CASTIGLIONCELLO (LI) - «Fondato nel 1995 a Pisa...

Chiudi