Alida Altemburg racconta “Nice to meet you Glenn!”, il suo Glenn Gould

Nice to meet you Glenn!, l’annunciato documentario su Glenn Gould, è divenuto realtà. Scritto da Alida Altemburg e girato da Alberto Collini, rappresenta un evento importante per la figura del pianista canadese in relazione con l’Italia. Nonostante la sua fama non abbia mai conosciuto flessioni, ma – anzi – sia sempre andata via via aumentando, si riscontra un dato curioso: nel nostro Paese, Glenn Gould non ha mai ricevuto particolari attenzioni, né a livello critico né in ambito storiografico o biografico. L’unica eccezione degna di nota è Piero Rattalino, autore del libro Glenn Gould. Il Bagatto e di uno speciale televisivo trasmesso negli anni ’90 dalla RAI. La notizia di un documentario tutto italiano incentrato proprio sulla figura del pianista di Toronto non può che essere accolta con entusiasmo e con altrettanto entusiasmo abbiamo colto la possibilità di intervistare la mente dietro Nice to meet you Glenn!: Alida Altemburg.
Prima di tutto, so che è ovvio, so che è banale, ma devo chiederlo: perché Glenn Gould?
«Direi che la motivazione personale è la più logica: quando avevo undici anni ero di fronte al repertorio di Bach (Suites Inglesi e Francesi). Ho trovato questo repertorio una vera sfida, così il mio Maestro del tempo, il Prof. Gianfranco Carlascio, mi regalò una registrazione di Glenn Gould. Il personaggio di Glenn Gould mi aveva colpito molto: sulla copertina di questo disco appariva un bel ragazzo, che si sbracciava sulla tastiera del pianoforte, con la camicia bianca svolazzante, la bocca aperta, i capelli arruffati e le gambe accavallate. Mentre continuavo ad ascoltare il disco, potevo chiaramente sentire un brontolio in sottofondo; ho pensato che fosse mia madre in cucina a lamentarsi della musica troppo rumorosa. Spensi il registratore e mi accorsi che il pianista stava canticchiando su Bach! Ero basita! Ero determinata a scoprire di più su Glenn Gould. Ho immediatamente chiesto al mio insegnante chi era quell’eccentrico, dove potrei vederlo in un concerto dal vivo. Mi ha detto che era del Canada, a Toronto e non teneva più concerti da anni, dato che era morto giovane nel 1982. Ero rimasta delusa e triste. Durante la mia adolescenza ho passato parecchio tempo anche a cercare sui mercatini delle pulci o nelle librerie specializzate tutto su Gould. Un giorno, durante le mie ricerche, ho trovato un libro, L’ala del turbine intelligente, scritto da lui stesso.
Ho continuato nella mia ricerca e ho anche scoperto come tra gli accademici c’era, in Italia, una vera avversione per questo pianista. Quasi indicato come un mentore negativo, un “vaudevillian”. Per me, questo era un motivo in più per seguirlo con più fervore!».

Alida Altemburg alla Roy Thomson Hall con il CF II di Glenn Gould, sul quale il pianista ha registrato le Variazioni Goldberg nel 1982.


Immagino che la tua ricerca non sia stata semplice: quanto tempo ti ha richiesto? E cosa hai scoperto?
«Passare da una passione e trasformarla in una vera e propria ricerca può essere difficile. Prima di partire per il viaggio a Toronto ci sono voluti circa due anni di letture di approfondimento dell’opera di Glenn Gould: testi, ricerche universitarie, registrazioni, documenti e tutto ciò che potrebbe essere utile per ottenere il miglior risultato. Uno dei libri che ci ha ispirato di più è stato quello di Kevin Bazzana, Mirabilmente singolare, che è il libro utilizzato nella narrativa del documentario, attraverso degli estratti. Rringraziamo Kevin per questa grande opportunità e per tutto il suo supporto. Un’altra sfida era quella di poter accedere al piano di Glenn al Roy Thomson Hall, così come l’appartamento di Glenn in St.Claire Avenue – di cui per questo ringraziamo Chris Brands per averci accolto calorosamente – e alla casa natale in cui Anne e Chris ci hanno gentilmente dato accesso. Mentre esploravamo i luoghi di Glenn Gould e attraverso le interviste con i suoi amici, abbiamo sicuramente rivelato una parte della personalità del pianista che non era mai stata completamente analizzata, se non proprio da Bazzana. Oggi Gould viene spesso descritto come il famoso pianista recluso, che analizza e critica e commenta, che non vede mai la luce del sole. Ma non ci siamo lasciati influenzare dagli stereotipi, una ricerca deve aprire nuove prospettive (anche con una certa ingenuità): ovviamente abbiamo trattato l’aspetto musicale di Gould, ma abbiamo anche voluto indagare, attraverso le storie e i ricordi di amici e collaboratori, su chi fosse questa persona, questo speciale e meraviglioso essere umano, con i suoi punti di forza e le sue debolezze, come ha vissuto la vita che ha messo nella sua musica. Ne è uscito il ritratto di un uomo con un grande senso dell’umorismo, un solitario che amava la compagnia di quelli che sapevano come capirlo. Nei prossimi episodi ci saranno altre rivelazioni, tra cui un viaggio misterioso e l’idea di un documentario in Cina raccontato da John A. Fraser, giornalista e amico di Glenn, una misteriosa cantante di opera femminile con la quale Glenn sembra avere una relazione e per la prima volta Verne Edquist ci parla di un’accordatura fortunata dei Meistersinger e delle battute che Gould ha fatto durante la registrazione. Il ritratto di Glenn Gould che esce è davvero molto complesso e sfaccettato, come una Fuga di Bach».

Alberto Collini

Questo documentario è una produzione originale targata D Major TV: a parte te e il regista Alberto Collini, quali altri membri hanno partecipato al progetto? E in che ruolo?
«Alberto non è l’unico di D Major TV ad aver prestato il suo talento al documentario. Come colonna sonora abbiamo voluto fortemente le Variazioni Goldberg di Bach: quella che si può ascoltare è la splendida versione del pianista Luca Carnicelli, che devo dire che ha fatto un ottimo lavoro! Luca è un conoscitore di Glenn Gould e penso che il suo tributo sia di tutto rispetto, specialmente in alcuni passaggi del documentario che preferisco come il luogo di nascita di Glenn e della città di Toronto. Silver Rossi, il nostro tecnico programmatore di D Major Tv che ci ha aiutato nei mix, e Irene Chiesa, una giovane attrice che mi ha interpretato nelle scene da bambina. Un ringraziamento speciale a Brian Levin, direttore esecutivo di Glenn Gould Foundation e Amy Kitchen per Toronto e Social Media. Ovviamente un ringraziamento a tutti gli intervistati!».

Il primo “episodio” è appena uscito: dove possiamo trovarlo e cosa vedremo?
«Nel primo episodio la storia inizia proprio nel momento in cui da bambina scoprii un Glenn Gould: con un salto temporale, dopo vent’anni inizia l’avventura sulle orme di Glenn Gould. Scoprete la scultura di Glenn Gould realizzata da Ruth Abernethy, il tecnico del suono Lorne Tulk racconterà le registrazioni presso l’Eaton Auditorium (ora The Carlu) la Glenn Gould Foundation con un’intervista al direttore esecutivo Brian Levine, che parlerà del ritiro di Glenn dalla scena dei concerti e del suo rapporto con i media. Inoltre uno speciale dedicato all’attuale premio Glenn Gould, Jessye Normann. Non posso dire di più! Guardalo e ditemi cosa ne pensate! Si può vedere su Vimeo. Invito anche i lettori di Tuttomondo a seguire le notizie sul sito Web di Glenn Gould TV e sulla nostra pagina Facebook.Il secondo episodio uscirà il 21 luglio!». 

Alida Altemburg con Verne Edquist

Perché hai deciso di pubblicarlo on-line?
Restando sempre fedeli alla filosofia e all’estetica di Glenn Gould, abbiamo pensato che la pubblicazione on-line sia una soluzione molto pratica. Il fatto che le persone possano guardare il film online è una grande opportunità. Sfortunatamente alcune produzioni e distribuzioni oggi sono influenzate da un appiattimento a favore di ciò che considerano “commerciale”. Abbiamo fatto un primo tentativo in quella direzione, ma nonostante l’interesse di alcuni distributori, c’erano troppi problemi. Internet è il presente e il futuro, inoltre, il web ti permette di rimanere libero, di non dover subire certi dettami di produzione e tempistiche o cambiamenti di script. Tutto è stato deciso qui dall’inizio alla fine da noi e spesso ci siamo consultati con gli ammiratori di Glenn in tutto il mondo. Il documentario è autoprodotto e questo comporta anche un sacrificio economico, ma grazie al web stiamo anche ricevendo supporto tramite microdonazioni che consentono al progetto di continuare, di essere in grado di mantenere la piattaforma Vimeo, il sito web e di continuare a creare contenuti e fare ricerca. Se vuoi aiutarci a sostenere il progetto, puoi farlo su PayPal: verranno utilizzate le donazioni per sostenere il progetto! Il secondo episodio sarà on Demand ad prezzo simbolico, proprio per sostenere il progetto!». 

Qual è stata la più grande esperienza che hai vissuto durante la lavorazione di Nice to meet you Glenn?
«Quei dieci giorni a Toronto sono stati incredibili! Sembrava che Glenn in persona fosse lì, come una guida! Lasciatemi spiegare: ci sono state strane coincidenze. Non pensare che io sia pazza, ma ci sono stati alcuni fatti “strani”. Ad esempio, dopo aver filmato l’intervista con Chris Brands nell’attico di St.Clair Ave 110 siamo andati al parcheggio del condominio e abbiamo trovato una Lincoln Continental nera, esattamente la stessa auto di Gould, che era appena stata parcheggiata lì! È stato un momento incredibile! Inoltre, il nostro bed and breakfast a Toronto si trovava nella stessa strada in cui Lorne Tulk, il tecnico del suono di Glenn Gould, viveva da bambino. Abbiamo anche visitato la sua casa e quando eravamo dentro, Lorne ci ha raccontato della sua infanzia lì. Lorne ci ha parlato del primo incontro con Glenn. Posso dirti: abbiamo davvero sentito una presenza metafisica di Glenn. Durante il viaggio, ho anche avuto l’onore di suonare l’ultimo piano di Glenn Gould al Roy Thomson Hall e quello è stato un momento molto speciale nel nome della musica. Un altro momento che porterò sempre nel mio cuore è stato quello di poter suonare il pianoforte per Verne Edquist e ricevere i suoi complimenti, sono rimasta davvero commossa».

Cosa vedremo nei prossimi episodi?
«Il 21 luglio, il secondo episodio uscirà su Vimeo on Demand! Entreremo nel famoso appartamento St. Clair Avenue 110 dove Glenn ha vissuto la sua età adulta, e Chris Brands, il nuovo proprietario, ci dirà molte curiosità. Parleremo con il giornalista John Fraser del primo incontro tra lui e Glenn nel nord del Canada, dove il pianista stava girando un documentario con la CBC. Fraser ci parlerà di un progetto di un documentario in Cina. Ci sarà una serenata a Verne Edquist, accordatore e amico di Glenn Gould, che ci parlerà del suo lavoro con lui e di alcune storie divertenti, di una donna misteriosa, di una scimmia, di una mucca e del perché un accordatore non dovrebbe mai fare flessioni in uno studio di registrazione! Vi aspettiamo!».

Photocredit: Alberto Collini

lfmusica@yahoo.com

Follow me!

Luca Fialdini

Classe '93, ho strappato una laurea al dipartimento di Giurisprudenza dell'Università di Pisa e studio composizione all'Istituto Musicale "Boccherini". Mi piace chiacchierare di musica, far conoscere brani e autori poco conosciuti o svelare i segreti di quelli più noti e amati... offritemi un the e vi racconterò tutto!
Follow me!
Condividi l'articolo
One comment to “Alida Altemburg racconta “Nice to meet you Glenn!”, il suo Glenn Gould”
  1. témoignage vraiment très intéressant et émouvant; je suis convaincue de cette présence dont vous parlez, Alida, quand on est à la recherche de Glenn…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
Palazzo Blu: Explore. Sulla Luna e oltre

Explore. Sulla Luna e oltre: una mostra per i 50 anni dal primo uomo sulla Luna. Fino al 21 luglio...

Chiudi