“Al Pappagallo verde”: primo saggio del laboratorio avanzato del Teatro Lux

PISA – Si è conclusa la prima esperienza formativa del gruppo avanzato della formazione Teatro Lux (il livello intermedio tra laboratorio base e gruppo studio, già operativo da alcuni anni). Il testo utilizzato per il saggio finale, andato in scena il 26 e il  27 maggio, è Al pappagallo verde di  Arthur Schnitzler.

I ragazzi, guidati da Marta Paganelli e Luca Oldani, hanno saputo giocare con questa commedia, divertendosi e trasmettendo al pubblico la passione per il teatro.

Il pappagallo verde è una locanda dei bassifondi parigini, dove l’oste, Louise (un uomo, Grasset, nella versione originaria del testo)  è una regista in rovina circondata da un gruppo di esilaranti attori disgraziati.

Al centro della storia, nascosta dal gioco di equivoci dato dal continuo alternarsi tra recita e realtà, Arthur Schnitzler mette la Rivoluzione francese ambientando la vicenda durante la notte della presa della Bastiglia.

L’incontro tra attori, viandanti e aristocratici è in realtà uno scontro tra classi sociali, giocato senza armi (tanto che anche il rappresentante delle forze dell’ordine viene invitato a entrare senza divisa nella locanda per assistere allo spettacolo). L’oste è la principale portavoce delle frustrazioni del popolo in lotta, costretta, ancora per una notte, a servire da bere e ad accettare le imposizioni dei clienti. Questi sono giovani nobili annoiati da una vita routinaria, in cerca di grandi emozioni.

In questo quadro si inseriscono le vicende personali degli altri avventori e la misteriosa relazione tra il primo attore della compagnia e la sua giovane e schiva sposa.

Questo testo, nella vivace, fresca ed energica interpretazione data dai ragazzi del laboratorio del Lux, offre la possibilità di rivolgere uno sguardo a un periodo storico che non si incontra spesso in teatro.

Arthur Schnitzler decide di omaggiare il popolo, ed elegge come protagonista di quest’opera la maltrattata (oggi, purtroppo come ieri) categoria degli attori, il cui mestiere è quello di spogliarsi continuamente degli abiti della realtà per indossare quelli della fantasia, vivendo altre vite. Quando gli attori, come hanno fatto questi giovani ragazzi, portano bene avanti il proprio lavoro, lo spettatore si dimentica un passaggio e crede a quello che gli viene raccontato. Proprio da questo gioco nascono e si sviluppano le storie de Al pappagallo verde, una frizzante commedia che illumina il teatro nella sua versione più pura dove la fantasia non è altro che un racconto della realtà.

 

Formazione Teatro Lux
La taverna del pappagallo verde
liberamente tratto da Al pappagallo verde di A. Schnitzler
saggio finale degli allievi del laboratorio avanzato
a cura di Marta Paganelli e Luca Oldani
con Luisa Briguglio, Salvatore Russo, Paolo Santagata, Karim Buzer, Greta Cassanelli, Alessandra Mulè, Tommaso Cumbo, Tommaso Ricci, Andrea Colzi, Costanza Dini, Silvia Giorlando, Arianna Ricciardi, Davide Bartaletti, Ilaria Natali.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi articolo precedente:
Gifuni legge Dante dalla Torre di Pisa. Un reading magistrale

Gifuni legge Dante dalla Torre di Pisa PISA - Un'interpretazione magistrale in uno scenario unico al mondo. Non poteva concludersi...

Chiudi