A Pisa il Coro Gloriae Dei Cantores

Gloriae Dei Cantores

Concerto in Cattedrale, 4 novembre ore 21,00

Gloria Dei Cantores 2

In occasione del Convegno Ecclesiale CEI a Firenze, il Centro Ecumenico di Arte e Spiritualità Mount Tabor organizza mercoledì 4 novembre alle ore 21 nella Cattedrale di Pisa un concerto di musica sacra eseguito da Gloriae Dei Cantores, il coro di fama internazionale della Community of Jesus, Orleans, Massachusetts (USA).

Gloriae Dei Cantores, — Cantori alla Gloria di Dio — ha l’obbiettivo e il desiderio di offrire tutto il meglio della propria arte e ricerca vocale nell’ambito di un’importante attività concertistica. Il fondamento ideale e tutti gli sforzi di questo coro sono rivolti a far risplendere attraverso la musica la luce di verità insita nei testi sacri interpretati: il canto come forma di preghiera e come linguaggio universale del cuore è dunque il marchio distintivo di quest’a ensemble vocale, che da più di 25 anni, si impegna per vocazione nella ricerca di una bellezza, intesa come autentica e nobile lode di Dio, trascendente le particolari divisioni umane.

Gloriae Dei Cantores women 1

Sotto la direzione di Richard K. Pugsley, Gloriae Dei Cantores torna quindi in Italia per una sesta tournée, per riassaporare il frutto generato dall’incontro culturale e musicale con il pubblico, come già sperimentato in esperienze passate in alcune tra le più belle cattedrali d’Italia: da Bari alla Sicilia a Torino e a Milano. In questa occasione, oltre che nella Cattedrale pisana, Gloriae Dei Cantores si esibirà nel Duomo di Siena e nella Basilica di San Lorenzo a Firenze.

Tra i momenti salienti dell’attività del coro sono da ricordare: i concerti per la celebrazione dei nove secoli della basilica di San Marco a Venezia, quelli trasmessi in diretta televisiva live dalla BBC, le tre tournée in Russia, nonché i concerti e le tournée compiute insieme con la Filarmonica di San Pietroburgo, l’Orchestra Sinfonica di Monaco di Baviera e quella di Boston Pops. Il catalogo del coro vanta oltre 50 registrazioni, dove è messo in mostra il suo vasto repertorio, che comprende sia capolavori noti e assoluti della musica sacra, che altri tesori rari, difficilmente eseguiti, in un arco cronologico che muovendo dal canto gregoriano arriva fino al XXI secolo. I membri del coro sono membri residenti alla Community of Jesus di Orleans (Massachusetts), e qui, la loro arte accompagna regolarmente le liturgie della loro Chiesa della Trasfigurazione.

Programma

Beatus vir, qui suffert, Jan Tollius  (c. 1550-c. 1605)

Quid vis ut faciam, Manuel Cardoso (1566-1650)

Nemo te condemnavit, Manuel Cardoso (1566-1650)

Dixit Martha ad Jesum, Orlando di Lasso (c. 1530-1594)

Fremuit spiritu Jesus, Jacobus Clemens non Papa (c. 1510 -c. 1555)

Ego sum pastor bonus, Costanzo Porta (c. 1529-1601)

Komm, Jesu komm, Johann S. Bach (1685-1750)

Tree of Sorrow, Carlos Chávez (1899-1978)

O vos Omnes, Pablo Casals (1876-1973)

Rise up, my love, my fair one, Healey Willan (1880-1968)

The Woman with the Alabaster Box, Arvo Pärt (1935)

Magnificat, Arvo Pärt (1935)

Ingresso libero

Per informazioni

OPERA DELLA PRIMAZIALE PISANA

050 835011

 

Comunicato Stampa

Virginia Villo Monteverdi

Fatta di musica, arte, immaginazione e altre cose intellettuali e magari noiose.
Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

http://www.tuttomondonews.it/wp-admin/upload.php?item=14893
Leggi articolo precedente:
“Usare l’acido”: Livorno e l’arte contemporanea

“L'arte è l'unica attività umana che ha il senso che gli diamo, e più ci avviciniamo a definirlo, più sparisce....

Chiudi